menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ospedale dei Bambini, infermiera picchiata e minacciata con un coltello

La vittima è una donna di 30 anni. L'intervento della guardia giurata e dei genitori di altri pazienti ha evitato il peggio

Un’infermiera in servizio al pronto soccorso dell’ospedale dei Bambini la scorsa notte è stata minacciata con un coltello e picchiata dai parenti di un bambino, in attesa di essere visitato. L’intervento della guardia giurata e dei genitori di altri pazienti ha evitato il peggio. A renderlo noto è stato Enzo Gargano, segretario aziendale della Cisl Fp Palermo Trapani all’Arnas Civico, che da mesi denuncia le difficili condizioni di lavoro nei pronto soccorso aziendali. La vittima è un'infermiera di 30 anni (C.R. le iniziali).

“Già ad aprile di quest’anno - afferma Gargano - avevamo richiamato i vertici dell’ospedale a intervenire concretamente per risolvere l’emergenza sicurezza in questi presidi. Non chiediamo azioni impossibili ma il rispetto delle linee guida previste dal ministero della Salute”. La Cisl Fp Palermo Trapani nei mesi scorsi ha scritto numerose note al manager del Civico, Giovanni Migliore, ma, come sottolineano, “nulla è cambiato, nonostante i numerosi annunci”. Ad agosto del 2014, racconta Gargano, con un tweet il direttore generale del Civico "ha propagandato come un fondamentale risparmio, la revoca della gara per la vigilanza". “Da quel momento in poi - continua Gargano -  si è assistito ad un'escalation di minacce e di aggressioni nei confronti dei lavoratori. Siamo i primi a sostenere la necessità di una razionalizzazione dei costi, ma non sulla pelle degli operatori, in prima linea con l’utenza”.

"A nome mio personale e dell'amministrazione che rappresento - ha commentato il sindaco Leoluca Orlando - esprimo la più sentita solidarietà e gli auguri di pronta guarigione all'infermiera, vigliaccamente aggredita dai parenti di un bambino in attesa di essere visitato. Al contempo, condanno fermamente l'episodio, posto in essere da chi, evidentemente, ignora le più elementari della civile convivenza e non conosce altro argomento che il ricorso alla violenza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento