menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il Parco Cassarà - foto Pina Meli

Il Parco Cassarà - foto Pina Meli

Amianto al Parco Cassarà, 12 indagati tra privati e dipendenti comunali

Presto riceveranno un avviso di garanzia per rispondere, a vario titolo, dei reati di falso, discarica abusiva, omessa bonifica e disastro ambientale. L'area è stata posta sotto sequestro lo scorso aprile per la presenza di materiali inquinanti

Falsi e omissioni nell’iter amministrativo che ha portato alla nascita del Parco Cassarà. Sono dodici le persone indagate, tra privati e dipendenti comunali, che presto riceveranno un avviso di garanzia per rispondere a vario titolo dei reati di falso, discarica abusiva, omessa bonifica e disastro ambientale per l’area verde sequestrata lo scorso aprile per la presenza di materiale tossico nascosto sottoterra.

Una volta chiusa l’inchiesta, le cui indagini sono coordinate dal procuratore aggiunto Dino Petralia e dal sostituto Alessandro Clemente, i pm valuteranno - riporta il Giornale di Sicilia - se riconsegnare il parco al Comune per effettuare la bonifica nella parte rimasta “scoperta” dopo l’avvio di un prima parte dei lavori di pulizia. Ma prima che l’area possa riaprire al pubblico bisognerà ancora attendere del tempo, quello necessario all’Amministrazione per affidare la nuova tranche di interventi.

Dopo la “bomba ecologica” scoppiata ad aprile comincia la conta dei danni: secondo una stima compiuta da alcuni consulenti nominati dalla Procura, potrebbe servire circa un milione e mezzo di euro per rimuovere gli agenti inquinanti dal parco. Lì sembrerebbe che negli anni siano stati scaricate tonnellate di rifiuti speciali, dagli sfabbricidi all’eternit, passando per sabbie inquinate e oli esausti. La riqualificazione dell’area, infatti, non sarebbe stata effettuata rispettando tutte le prescrizioni in materia ambientale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento