Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca Arenella-Vergine Maria

"Mazzette ai Rotoli per ottenere una sepoltura", il sindaco sentito in Procura come teste

L'audizione di Leoluca Orlando è durata circa un'ora e mezza e si inserisce nell'ambito dell'inchiesta scattata a febbraio che coinvolge 10 persone, tra cui l'ex direttore del cimitero. Secondo l'accusa, in cambio di soldi diverse tombe sarebbero state svuotate illecitamente per fare spazio ad altri defunti

Bare accatastate al cimitero dei Rotoli

Nell'ambito dell'inchiesta sulle presunte mazzette per avere un loculo al cimitero dei Rotoli, stamattina è stato sentito come testimone anche il sindaco, Leoluca Orlando. Qualche giorno fa in Procura era stato ascoltato dal procuratore aggiunto Sergio Demontis e dal sostituto Francesca Mazzocco, sempre in veste di testimone, anche l'ex assessore comunale ai Servizi cimiteriali, Roberto D'Agostino.

L'audizione di Orlando è iniziata alle 10 e si è conclusa intorno alle 11.30. Il tema al centro dell'indagine è molto delicato, visto che anche in questo momento ai Rotoli ci sono oltre cinquecento bare accastate in attesa di essere tumulate. Ed è proprio in questo contesto di emergenza cronica che qualcuno - secondo le ipotesi dei carabinieri e della Procura - avrebbe accettato dei soldi per trovare un posto anche a chi non ne avrebbe avuto diritto. Un aspetto macabro, al vaglio degli inquirenti, è la possibilità che delle tombe siano state svuotate senza alcun permesso e senza alcuna pietà verso i defunti, per fare spazio ad altri morti.

A febbraio la Procura aveva notificato dieci avvisi di garanzia, uno dei quai anche all'ex direttore del cimitero, Cosimo Elio De Roberto, che aveva deciso di dimettersi proprio per via dell'indagine, oltre che a dipendenti e operai comunali.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mazzette ai Rotoli per ottenere una sepoltura", il sindaco sentito in Procura come teste

PalermoToday è in caricamento