Giovedì, 23 Settembre 2021
Cronaca

“Cure per tumori rimborsate 2 volte” Indagini su tre cliniche e 17 manager

Inchiesta dei Nas. La truffa consisteva nel chiedere il rimborso per i ricoveri e poi un altro per gli accertamenti diagnostici effettuati in strutture collegate. Si ipotizza un danno da 1,2 milioni al servizio sanitario

Cure per tumori pagate due volte, indagini su tre cliniche private

Diciassette fra manager di tre cliniche private e medici sono indagati per una truffa da 1,2 milioni di euro ai danni del servizio sanitario. L'inchiesta, condotta dal Nas e coordinata dal pm Amelia Luise e dall'aggiunto Leonardo Agueci, ha scoperto che le cure per i malati di tumore, tra il 2007 e il 2009, venivano pagate due volte dall'Ausl 6 alle cliniche private “La Maddalena” (che avrebbe incassato il grosso dei rimborsi, un milione di euro), “Latteri” e “Noto Pasqualino”.

Secondo quanto riporta Repubblica-Palermo, la truffa consisteva nel chiedere il rimborso per i ricoveri (che avrebbero dovuto includere gli esami specialistici) e successivamente un ulteriori rimborso per gli accertamenti diagnostici effettuati in strutture collegate alle cliniche o esterne ad esse. Tra gli indagati ci sono anche due medici - che ufficialmente lavoravano in due ospedali pubblici, il Policlinico e Villa Sofia, percependo per questa ragione un'indennità aggiuntiva - che dirottavano pazienti alla Latteri e alla Noto, anche con la scusa che nelle strutture pubbliche non c'erano posti. In cambio i sanitari avrebbero ottenuto percentuali sui guadagni delle cliniche.


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Cure per tumori rimborsate 2 volte” Indagini su tre cliniche e 17 manager

PalermoToday è in caricamento