Incidenti stradali Libertà / Via Liberta'

Scontro auto-pullman in via Libertà, l'autista: "Grazie a chi mi ha salvato la vita"

Scrive a PalermoToday il conducente della Prestia e Comandè rimasto vittima di un pauroso incidente all'alba del 2 aprile scorso. "Un collega dell'Amat non ha esitato a calarsi all'interno dell'abitacolo, rischiando di ferirsi. Un caloroso grazie anche alle forze dell'ordine"

Riceviamo e pubblichiamo:

Chi scrive è il conducente di linea in servizio navetta aeroporto Falcone Borsellino coinvolto nell'incidente mattutino del 2 aprile scorso di via Libertà-Notarbartolo. Vorrei ringraziare pubblicamente tutte le persone che sono intervenute e che hanno vissuto, loro malgrado, l'esperienza di questo avvenimento: uno scontro in pieno centro di un mezzo pesante che poteva essere oggetto di conseguenze ben più gravi. (GUARDA IL VIDEO DELLO SCONTRO)

Innanzitutto la mia riconoscenza si rivolge a due persone speciali: al Sig. Ciccio Caracciolo, tassista gentile e professionale di Palermo, al Sig. Giuseppe Latino, uno dei colleghi dell'azienda Amat accorsi, che coraggiosamente, non ha esitato a calarsi all'interno dell'abitacolo, rischiando di ferirsi da lamiere e pezzi di vetro, in attesa del pronto intervento. Un caloroso grazie ai Carabinieri, ai Vigili del Fuoco, all'equipaggio dell'ambulanza del 118, arrivati dopo pochissimi minuti sul luogo dell'impatto. Grazie infinite al personale di turno dell'ospedale Villa Sofia.

Tutti hanno agito con prudenza, competenza, professionalità e aggiungo umanità. Questo è un vanto per la cittadinanza di Palermo. Ancora grazie a tutti gli utenti e ai colleghi di altre compagnie di trasporti che hanno chiesto informazioni sul mio stato di salute. Infine, ringrazio per ultimi (e non è un caso) l'intera "squadra" della Prestia e Comandè, per la vicinanza e la solidarietà, per l'impeccabile attività di reazione positiva ad un fatto increscioso , per il lavoro duro svolto nell'impresa di recupero del mezzo. Esempio tangibile di lavoratori professionisti "uomini e donne", "non avventati " ma "responsabili" e coesi , di un settore lavorativo arduo come può esserlo quello del trasporto pubblico.

R.A.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontro auto-pullman in via Libertà, l'autista: "Grazie a chi mi ha salvato la vita"

PalermoToday è in caricamento