menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Rosaura Bonfardino

Foto Rosaura Bonfardino

L'incidente di via Arcoleo, morta la bambina sbalzata fuori dall'auto

Tragico epilogo dopo l'impatto tra una Volkswagen Golf e una Hyundai i20 all'incrocio con la via Morso. La piccola è arrivata senza vita all'ospedale Civico, si trovava sul sedile anteriore in braccio alla madre. Ferita la zia incinta

Non ce l'ha fatta la bambina rimasta ferita nell'incidente di stamattina in via Giorgio Arcoleo. La piccola, Giulia Mazzola di 6 anni (ne avrebbe compiuti 7 a settembre ndr.), è arrivata in ospedale già senza vita. I medici del Civico non hanno potuto far altro che constatare il decesso: troppo gravi le ferite riportate nell'impatto con l'asfalto. Scene di disperazione all'esterno della struttura sanitaria, dove amici e parenti (erano in più di 200) si sono raccolti dopo la triste notizia. Piange disperato il padre, Massimo Mazzola, un muratore: "Come farò senza mia figlia, come farò?", urla. La madre, Livia, ricoverata al Policlinico ancora non sa della morte della figlia. La famiglia abita in via Mongitore, a Ballarò. Alcune donne stringono fra le mani i fazzoletti diventati ormai pesanti per le lacrime.

VIDEO - LE IMMAGINI DAL LUOGO DELL'INCIDENTE

Giulia Mazzola 2-2Lo scontro tra due auto, una Volkswagen Golf e una Hyundai i20, si è verificato intorno a mezzogiorno nella zona del Policlinico. La prima si trovava in via Giorgio Arcoleo, mentre la seconda percorreva via Morso e, giunta all'incrocio, avrebbe dovuto dare la precedenza come indicato dalla segnaletica stradale. La bambina si trovava sul sedile anteriore della Golf in braccio alla madre, Livia Calì di 45 anni. "Il violento scontro ha causato l'esplosione dell'airbag - spiegano i vigili urbani - e l'ha fatta sbalzare fuori dal finestrino". Poi l'impatto fatale con l'asfalto. Momenti tremendi. L'arrivo dell'ambulanza e la corsa in ospedale. Tutto inutile, purtroppo. Dopo circa un'ora la notizia che nessuno avrebbe voluto mai sentire: la bambina è morta. Alla guida dell'auto c'era la zia in stato di gravidanza, Caterina Mazzola di 27 anni, che è rimasta ferita ed è stata ricoverata nel reparto di Ginecologia. 

A bordo della Hyundai invece c'erano invece marito e moglie di 61 e 59 anni, entrambi di Santa Flavia. La donna è rimasta ferita e si trova al Policlinico in codice giallo: le sue condizioni non desterebbero preoccupazione. Sul posto sono arrivate diverse volanti di polizia e gli agenti della sezione Infortunistica della polizia municipale. Toccherà a loro effettuare i rilievi e far luce sulla dinamica che ha portato al tragico scontro.

Sull'asfalto è rimasto un pacco di patatine. Quello che forse aveva in mano la piccola al momento dell'incidente. Attorno un capannello di persone, diversi residenti chiedono ai vigili di intervenire per far qualcosa: "In questo incrocio c'è almeno un incidente a settimana", dicono. Un agente risponde laconico: "Ce ne sono almeno 10 al giorno in tutta la città perchè la gente non conosce e non rispetta il codice della strada".

La Procura di Palermo, che indaga sull'incidente, valuterà le responsabilità del conducente della Hyundai e quelle dei familiari. La piccola Giulia, stando alle prime informazioni, non si trovava sul sedile posteriore dove invece avrebbe dovuto essere, con seggiolino e sistema di ritenuta come previsto dal Codice della strada.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento