Incidente a Marineo, scontro frontale sulla statale 118: morto un sessantenne

E' successo in località Roccabianca. Coinvolti un autocarro e una Lancia Y: l'automobilista - Onofrio Bianchi, dipendente Amat - è deceduto sul colpo. A nulla è servito l'intervento dei sanitari del 118. Sul posto i vigili del fuoco e i carabinieri

Marineo, incidente mortale sulla strada statale 118

Scontro mortale sulla statale 118 "Corleonese Agrigentina". Un incidente si è verificato oggi pomeriggio a Marineo, in località Roccabianca. A perdere la vita un uomo - Onofrio Bianchi di 60 anni - che si trovava alla guida di una Lancia Y di colore bianco. Secondo le prime informazioni la sua auto si sarebbe scontrata frontalmente con un autocarro, un Fiat Iveco. Raccapricciante la scena che si è presentata agli occhi dei primi soccorritori intervenuti sulla statale.

onofrio bianchi-2Sul posto i sanitari del 118 e i vigili del fuoco, chiamati ad estrarre l'automobilista dall'abitacolo e le lamiere accartocciate. Per lui non c'è stato nulla da fare: è deceduto poco dopo il violento impatto. Bianchi (nato a Marineo) era padre di due figlie ed era un dipendente Amat nel settore segnaletica stradale. Sotto shock, anche se solo lievente ferito, il conducente dell'Iveco.

Ad eseguire i rilievi i carabinieri della stazione locale e del Nucleo operativo radiomobile di Misilmeri che dovranno ricostruire la dinamica e chiarire cosa sia accaduto. Nel luogo della tragedia anche il medico legale e il magistrato di turno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pitrè, muore travolto da uno scooter mentre passeggia con il cane

  • "C'è un uomo con un mitra sotto braccio!": panico alla Cala, arrivano le squadre speciali

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento