menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Masso contro ambulanza del 118, le immagini

Masso contro ambulanza del 118, le immagini

Cala, dopo l'incidente lancia masso contro ambulanza: arrestato

Protagonista della vicenda un palermitano di 36 anni. Nell'impatto contro un camion la sua auto ha riportato dei danni. Così, all'arrivo dell'ambulanza, ha "scaricato" il nervosismo scagliando una pietra contro un vetro

Scaglia un masso contro il vetro dell’ambulanza del 118 che era intervenuta a soccorrerlo dopo un incidente stradale alla Cala, e viene arrestato dai carabinieri. Protagonista della vicenda, avvenuta ieri pomeriggio, è stato un palermitano di 36 anni. L'uomo - che era al volante di una macchina - per cause ancora da accertare si è scontrato contro un camion. Un impatto non particolarmente violento (nessun ferito grave) ma la sua auto ha riportato dei danni. Così, all'arrivo dell'ambulanza, ha "scaricato" il nervosismo, scagliando una grossa pietra contro un vetro, andato in frantumi.

Nel mirino il vetro del portellone laterale dell'ambulanza Palermo-Guadagna. Il trentaseienne avrebbe detto che l’ambulanza era arrivata in ritardo. "Falso - dice il responsabile del servizio Fabio Genco -. Abbiamo ricevuto la chiamata 17.57, e siamo partiti un minuto dopo. Alle 18.06 eravamo là, nel curvone della Cala, il punto in cui si è verificato l'incidente. Abbiamo impiegato nenche 10 minuti. Le condizioni dei feriti non erano preoccupanti (solo codici verdi) ma l'automobilista è apparso nervoso e ha tirato un vero e proprio masso rompendo il vetro dell'ambulanza".

Alcune schegge sono finite sul viso di una soccorritore, medicato sul posto. "Alla fine abbiamo dovuto sosituire l'ambulanza - chiude Genco -. Si tratta dell’ennesima aggressione nei confronti del personale sanitario che cerca di svolgere al meglio il proprio compito in emergenza. E' un episodio assai grave".

Dopo la convalida dell’arresto, a seguito del patteggiamento, l’uomo è stato condannato alla pena di otto mesi con pena sospesa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento