Tragico incidente in moto, giovane palermitano muore a Londra

L'impatto nella notte tra lunedì e martedì. Il ventiduenne Piero Capitelli, originario di San Cipirello, è rimasto per ore attaccato a un respiratore. Da oltre 3 anni si trovava nella capitale inglese dove lavorava come cameriere

Pietro Capitelli, il giovane morto a Londra in un incidente

Ha lottato per 24 ore, ma alla fine si è dovuto arrendere. Troppo gravi le ferite riportate in uno schianto in moto a Londra. Per giovane di 22 anni, originario di San Cipirello, è stata dichiarata la morte cerebrale. Il tragico incidente è avvenuto nella notte tra lunedì e martedì nella capitale inglese. La vittima si chiamava Piero Capitelli, che da oltre 3 anni si era trasferito in Inghilterra per lavoro.

Dopo l'incidente il ragazzo, che da più di un anno faceva il cameriere in un ristorante italiano, è stato trasferito d'urgenza al pronto soccorso dove i medici hanno fatto il possibile per strapparlo alla morte. La situazione però è precipata nel giro di poche ore, lasciando solo una flebile speranza ai familiari.

A dare la notizia ai genitori è stato il Consolato italiano. Madre e padre del ventiduenne hanno preso il primo aereo per raggiungere il figlio, attaccato a un respiratore artificiale. Sono state ore di ansia, anche per gli amici e i familiari qui in Sicilia. Ma alla fine la tragica notizia: Piero non ce l'ha fatta. I genitori hanno deciso di donare gli organi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • Incidente a Monreale, scontro frontale tra due auto sulla circonvallazione: un morto

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

  • Nuova tragedia in sala parto: neonata muore alla clinica Triolo Zancla

  • Finanzieri in una palestra di Cefalù, sequestrate attrezzature per il fitness: "Erano contraffatte"

  • Francesco Benigno in tv: "Mio padre mi legava con le catene, ho dormito dappertutto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento