Lunedì, 18 Ottobre 2021
Incidenti stradali

Incidente mortale alla Cala, indagato il ventenne: "Ho avuto paura, ma non è stata colpa mia"

Il giovane si era costituito sabato diverse ore dopo l'impatto in cui ha perso la vita Giovanni Pagliaro, di Ficarazzi, che era su uno scooter. Non ha la patente ed è accusato di omicidio stradale: "Sono fuggito, ma è stata la vittima a finire contro la mia Smart". Accertamenti per chiarire la dinamica. Lo scontro non è stato ripreso dalle telecamere

"Ho avuto paura e sono scappato", è così che avrebbe spiegato ai carabinieri della stazione di Brancaccio il ventenne - senza patente - coinvolto nell'incidente in cui, all'alba di sabato, ha perso la vita Giovanni Pagliaro, 44 anni, di Ficarazzi. Adesso il giovane, T. G., che si era presentato in caserma diverse ore dopo il sinistro con un avvocato, è indagato per omicidio stradale.

L'impatto è avvenuto alla Cala, all'altezza del mercato ittico, ma la dinamica è tutta da chiarire. Le indagini della polizia municipale sono coordinate dal procuratore aggiunto Ennio Petrigni e dal sostituto Giorgia Righi. Il ventenne avrebbe spiegato agli inquirenti che non sarebbe stato lui a provocare lo scontro, ma che sarebbe stato invece lo scooter a bordo del quale viaggiava la vittima a finire contro la sua Smart. Una versione che gli inquirenti vogliono verificare.

Per capire cosa sia realmente accaduto saranno fondamentali i rilievi compiuti dai vigili sabato mattina nel punto in cui è avvenuto l'incidente, ma anche il racconto dei testimoni. Le immagini riprese dalle telecamere di sorveglianza presenti nella zona sono stati importanti per individuare la Smart, ma il momento preciso dell'impatto non sarebbe stato registrato perché avvenuto fuori dal raggio degli obiettivi.

Importanti saranno anche gli accertamenti sui due mezzi: la macchina era stata lasciata dal giovane indagato un po' prima dell'Addaura, che al momento dell'incidente sarebbe stato in compagnia di una ragazza. Sostanzialmente impossibile stabilire invece se il ventenne fosse eventualmente alla guida sotto l'effetto di droghe o alcol, visto che si è presentato in caserma diverso tempo dopo l'impatto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente mortale alla Cala, indagato il ventenne: "Ho avuto paura, ma non è stata colpa mia"

PalermoToday è in caricamento