L’incidente in autostrada a Cefalù, morto anche Giuseppe Nicoletti

Il 38enne palermitano è stato sottoposto a un intervento chirurgico all'ospedale Giglio, ma le lesioni riportate nell'impatto erano troppo gravi. Dichiarata la morte cerebrale. Da giorni era tenuto in vita dalla ventilazione assistita. Nello schianto il padre Vincenzo era deceduto sul colpo

Giuseppe Nicoletti

I traumi riportati erano troppo gravi. I medici dell'ospedale San Raffaele Giglio e la commissione medico-legale arrivata dall'ospedale Civico di Palermo hanno dichiarato la morte cerebrale per Giuseppe Nicoletti, il 38enne rimasto ferito nell'incidente avvenuto il 30 dicembre scorso lungo l'autostrada Palermo-Messina, all'altezza di Cefalù. Nicoletti, palermitano e figlio della nota ex giornalista della sede regionale della Rai Rosa Ricciardi, era in auto con il padre quando il mezzo è finito contro un autocarro in sosta. Un impatto violentissimo. Il padre Vincenzo, 75 anni, è morto sul colpo, mentre il 38enne era stato condotto in ospedale in codice rosso. Ma le sue condizioni, da subito, erano apparse molto gravi. E' stato operato all'addome e al torace e per giorni è stato tenuto in vita nel reparto di Terapia intensiva grazie alla ventilazione assistita.

Giuseppe, che lavorava nel mondo della comunicazione dopo essersi diplomato al liceo Meli, era molto conosciuto in città. Ragazzo brillante, con la passione per le moto, contagiava tutti col suo sorriso e la sua voglia di vivere. Nelle ore successive all'operazione sono stati tanti gli amici in pellegrinaggio all'ospedale di Cefalù per stargli accanto. C'è chi ha anche passato la mezzanotte del 31 nella sala d'attesa del Giglio, pregando per un miracolo. Che purtroppo non c'è stato. In tanti avevano invaso la bacheca della sua pagina Facebook con messaggi di speranza. 

Scontro Suv-autocarro: morto 75enne

L'incidente

Secondo quanto ricostruito, padre e figlio erano a bordo di un suv Nissan Qashqai e percorrevano l'autostrada in direzione Messina. Per cause da chiarire sono finiti contro un autocarro, fermo lungo la corsia d'emergenza per soccorrere una Bmw che era finita fuori strada. L'impatto tra il suv dei Nicoletti e il mezzo pesante è stato molto violento e i due sono rimasti incastrati tra le lamiere. I vigili del fuoco hanno lavorato per circa tre ore per estrarre i corpi. Per il padre, che era al volante, non c'è stato nulla da fare mentre i soccorritori del 118 hanno prestato le prime cure a Giuseppe Nicoletti e lo hanno portato in ospedale.

vincenzo nicoletti-2La notizia dell'incidente ha scosso profondamente non solo Palermo, ma anche Catanzaro, dove il padre aveva ricoperto il ruolo di consigliere comunale. "L'ingegnere Nicoletti - dice il sindaco Sergio Abramo - era stimato per la sua professionalità e per le sue competenze, doti che hanno caratterizzato anche un percorso politico importante all’interno del Consiglio comunale di Catanzaro. Con grande disponibilità si è speso tanto a servizio della comunità, interpretando nel migliore dei modi il proprio ruolo istituzionale. In questo momento di profondo dolore, voglio rivolgere le più sincere condoglianze ai familiari".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche la redazione di PalermoToday si unisce al dolore della collega Rosa Ricciardi e dei familiari. Giuseppe era amico del direttore e di alcuni giornalisti, che spesso passava a trovare e salutare. Caffè e sorrisi che ci mancheranno. Addio Peppe. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ponte Oreto, ragazza si suicida lasciandosi cadere nel vuoto

  • Giovane esce di casa e scompare nel nulla: "Aiutateci a trovarlo"

  • La morte di "Ago" in viale Regione Siciliana, indagata l'automobilista che lo ha investito

  • Rap, presa la "banda di Bellolampo": rubavano gasolio da mezzi e cisterne, 21 arresti

  • Reddito di cittadinanza, 413 tirocini attivati dal Comune: tremila euro per sei mesi di lavoro

  • Furti di gasolio in discarica, coinvolti dipendenti Rap: i nomi degli arrestati

Torna su
PalermoToday è in caricamento