Paura in Cattedrale, con l’auto contro le barriere antisfondamento

Un ragazzo alla guida di una Fiat 500 XL, forse a causa di un malore, è finito contro uno dei jersey che proteggono l’area pedonale spingendolo solo avanti di pochi centimetri. Sul posto polizia municipale e 118

L'incidente in corso Vittorio Emanuele

Chi ha visto la scena parla di un’auto che si è fermata a pochi centimetri dalle barriere antisfondamento di corso Vittorio Emanuele, davanti alla Cattedrale, per poi spingerla per diversi metri e lasciando dietro di sé puzza di bruciato. E’ accaduto oggi pomeriggio nella parte più alta del Cassaro, dove sono intervenuti i sanitari del 118 e i vigili che presidiano l'accesso all'area pedonale. La persona al volante, un ragazzo di cui non si conoscono ancora le generalità, è stata soccorsa e portata in ospedale per accertamenti.

Secondo una prima ricostruzione sembra che l’automobilista, forse a causa di un malore, abbia perso il controllo della sua Fiat 500 XL con cambio automatico. L’auto, dotata di frenata automatica d’emergenza, avrebbe riconosciuto l’ostacolo rallentando la marcia e fermandosi definitivamente a pochi centimetri dalla barriera. L’automobilista - forse già privo di sensi - non sarebbe riuscito a togliere il piede dai pedali, spostando il jersey di pochi centimetri. Decisivo l'intervento di un vigile urbano che è riuscito a introdursi nell'abitacolo e togliere le chiavi di accensione. Soltanto così l'auto ha finito la sua corsa contro le barriere.

“Ho visto solo l’ultima fase dell’incidente - racconta a PalermoToday un testimone - e ho sentito una forte puzza di bruciato. Non mi è sembrato che fossero altri mezzi coinvolti”. Pochi minuti dopo, allertati da passanti e residenti, sul posto è intervenuta un’ambulanza del 118 che ha portato il giovane automobilista in ospedale per accertamenti. Toccherà agli agenti della polizia municipale cercare di chiarire quanto accaduto.

"La prontezza dei vigili urbani ha evitato il peggio - spiega all'Adnkronos il comandante dei vigili urbani, Gabriele Marchese - i vigili stanno lì per garantire la sicurezza dei  cittadini e non sono lì solo per sanzionare le persone ma per assicurare che tutto vada bene. Ecco perché il cittadino dovrebbe  'coccolarlo' perché la polizia municipale svolge una funzione che va al di là della caccia alla multa, fa quello che è giusto fare. E ieri sera lo abbiamo dimostrato".
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

corso vittorio emanuele 2-2-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, coinvolto il cantante De Martino: morto un sessantenne

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Apre a Palermo l'Antica pizzeria da Michele, dopo Napoli è l'unica del Sud Italia

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Condannato a 5 anni il questore di Palermo: "Caso Shalabayeva, fu sequestro di persona"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento