Cronaca Monreale

Lo schianto a Pioppo, Gabriele è uscito dal coma: "Mio cugino come sta?"

E' l'unico sopravvissuto allo schianto avvenuto nella notte tra l'1 e il 2 novembre sulla statale 186. Era a bordo di un'Opel Corsa con il cugino Angelo Marceca, 19 anni, Giosuè Guardì, 16 anni e Giacomo Guardì, 19 anni, anche loro cugini. I tre sono morti sul colpo

Si è risvegliato Gabriele Diliberto,  il 19enne unico sopravvissuto allo schianto avvenuto nella notte tra l'1 e il 2 novembre lungo la statale 186 all'altezza di Pioppo. Il giovane era a bordo di un'Opel Corsa con il cugino Angelo Marceca, 19 anni, Giosuè Guardì, 16 anni e Giacomo Guardì, 19 anni, anche loro cugini. Il conducente ha perso il controllo del mezzo e la vettura è finita contro un muro. Un impatto fortissimo che ha causato la morte degli altri tre giovani. Per estrarre i corpi dalle lamiere dell'Opel è stato necessario l'intervento dei vigili del fuoco.

Gabriele Diliberto è stato condotto all'ospedale Civico e per dieci giorni è stato in coma farmacologico nel reparto di Rianimazione. Una volta sveglio il primo pensiero è andato al cugino. "Come sta Angelo?", ha chiesto ai medici che lo hanno in cura.

"Siamo cautamente ottimisti - dice Giorgio Trizzino, direttore sanitario dell'ospedale Civico - Gabriele ha subito un grave trauma toracico che impedisce il normale funzionamento di un polmone. Le condizioni del ragazzo sono ancora molto gravi ma c'è qualche segnale incoraggiante"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo schianto a Pioppo, Gabriele è uscito dal coma: "Mio cugino come sta?"

PalermoToday è in caricamento