Cronaca

Tuffo all'Acquapark di Monreale, 26enne sarà sottoposto a intervento chirurgico

Restano gravi le condizioni del ragazzo palermitano protagonista dell'incidente di ieri pomeriggio: il giovane ha riportato fratture cervicali e un trauma cranico. La prognosi resta riservata

Acquapark di Monreale dall'alto

Restano serie le condizioni del giovane palermitano che ieri pomeriggio ha battuto la testa dopo un tuffo all'Acquapark di Monreale. Il ragazzo (G.A. le sue iniziali, 26 anni) dopo l'incidente ha perso subito i sensi ed è stato portato nell'ospedale più vicino, l'Ingrassia di corso Calatafimi, in condizioni che i sanitari hanno definito delicate. Ricoverato nel reparto di Rianimazione, qualche ora dopo è stato poi trasferito a Villa Sofia, e spostato in Neurorianimazione.

I medici riferiscono che il 26enne - della zona dei Cappuccini - ha riportato fratture cervicali e un trauma cranico. La prognosi resta riservata. Il ragazzo si sottoporrà in queste ore a un intervento chirurgico di stabilizzazione delle vertebre. 

Sull'episodio stanno indagando i carabinieri della compagnia di Monreale. I militari hanno visionato le immagini registrate dalle telecamere di sicurezza dell'impianto. Chi ha assistito alla scena, avvenuta pochi minuti prima delle 16, ha parlato di una "bravata". Un'acrobazia espressamente vietata.

E' stato il titolare dell'Acquapark a spiegare come erano andate le cose: "Il ragazzo si trovava sopra il pallone gonfiabile, insieme ai suoi amici. Più volte i bagnini hanno redarguito i giovani per farli scendere. A quel punto il 26enne, invece di scendere utlizzando la corda, si è tuffato di testa". L'acqua in quel punto è alta 90 centimetri e dalla cima del pallone c'è un dislivello di circa quattro metri.

"Purtroppo, con la testa, si è schiantato sul fondo della piscina - ha raccontato il titolare dell'Acquapark -. E' stato un urto violento. Sottolineo che da lì assolutamente vietato tuffarsi perché si può solo scivolare. I carabinieri hanno già visionato il video in cui emerge la scelta di tuffarsi, arbitraria, del ragazzo. La nostra struttura tra l'altro dispone di una serie di cartelli che indicano le modalità di utilizzo delle piscine".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tuffo all'Acquapark di Monreale, 26enne sarà sottoposto a intervento chirurgico

PalermoToday è in caricamento