Zona Libertà, in fiamme il furgone di un fruttivendolo: danneggiati altri due mezzi

E' accaduto sabato sera, intorno alla mezzanotte. L'incendio ha danneggiato un altro furgoncino, riconducibile allo stesso ambulante, e un'auto. Sul posto i carabinieri e i vigili del fuoco secondo i quali il rogo sarebbe divampato per cause accidentali

Due dei tre mezzi bruciati nell'incendio

Tre mezzi danneggiati da un incendio. Le fiamme sono divampate sabato sera, poco prima della mezzanotte, in via Isonzo, in zona Libertà. A prendere fuoco è stato il furgone di un fruttivendolo ambulante parcheggiato a pochi passi dalla chiesa Regina Pacis.

Dopo decine di telefonate di residenti preoccupati per la puzza di bruciato e la colonna di fumo nero che stava invadendo il quartiere, sono intervenute due squadre dei vigili del fuoco che hanno impiegato quasi un’ora per riuscire a domare il rogo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le fiamme però avevano già raggiunto un altro furgoncino vicino, riconducibile allo stesso proprietario, e una macchina. Terminate le operazioni di spegnimento il personale del 115 ha stabilito che l’incendio sarebbe divampato per cause accidentali. Sul posto anche una pattuglia dei carabinieri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mazzette per pilotare appalti da 600 milioni, trema la sanità siciliana: 10 arresti

  • Donna incinta positiva al Coronavirus ricoverata al Cervello: è tornata a Palermo da Londra

  • L'entrata da Mondello, poi il volo su via Libertà: attesa per l'esibizione delle Frecce Tricolori

  • Coronavirus, finalmente ci siamo: per la prima volta zero contagi in Sicilia

  • Strage Capaci, Emanuele Schifani e quel papà mai conosciuto: "Non provo odio ma tanta rabbia"

  • Fallito attentato all'Addaura, la rivelazione: "Ecco chi tradì Giovanni Falcone"

Torna su
PalermoToday è in caricamento