Atrio della scuola dato alle fiamme, spunta un testimone: "Ho fotografato i colpevoli"

Un uomo che abita a pochi passi dall'istituto Mantegna, a Boccadifalco, avrebbe immortalato con la sua macchina fotografica i tre ragazzini che hanno appiccato l'incendio provocando non pochi danni e denunciato tutto alla polizia. Dalla scuola: "Nel quartiere non solo omertà ma anche senso civico"

Ecco cosa rimane dopo l'incendio - foto Federica Virga

Adesso c’è pure un testimone oculare. E i vandali avrebbero un nome ed un cognome. Dopo l’incendio che due giorni fa è stato appiccato all’interno del cortile della scuola Mantegna Bonanno a Boccaficalfo, proprio mentre la polizia stava passando al vaglio le telecamere di videosorveglianza, un vicino dell’istituto di Boccadifalco ha ripreso tutto. Fotografie scattate con una macchina professionale e un piccolo video che immortalano tre ragazzini a volto coperto prima, scoperto poi, mentre si intrufolano all’interno del plesso al civico 4 di via Bologni dando fuoco ad alcune cartacce.

L’incendio doloso è stato appiccato due pomeriggi fa, intorno alle 17.30 (e non di notte, come si era pensato in un primo momento). La campanella alla Mantegna suona a ora di pranzo, i bambini sono già a casa. A scuola soltanto qualche professore e il personale di servizio. I cancelli chiudono appena poco prima che i vandali scavalchino il muretto di cinta e diano alle fiamme l’atrio che dà accesso secondario alla scuola, da via BF1. Il fuoco danneggia l’impianto elettrico, d’illuminazione, annerisce pareti, pavimento e le porte tutte intorno alla porta a vetri. Nessun segno di effrazione, anche se gli inquirenti credono che a far desistere dall’entrare all’interno dei locali sia stata la presenza delle telecamere.

Il testimone ieri è andato alla polizia raccontando la sua versione dei fatti e fornendo le immagini che risulteranno fondamentali per chiudere il caso. “Se da una parte c’è un quartiere omertoso, dall’altra c’è il senso civico, la responsabilità e il rispetto per le istituzioni - spiega Daniela Gemelli, collaboratrice del dirigente scolastico Concetta Giannino -. Non sappiamo ancora se si tratta di nostri alunni. Di certo sono ragazzi della zona. Sarebbe spiacevole però apprendere tutto questo. I nostri alunni trascorrono i pomeriggi all’interno della scuola, la riconoscono come centro d’aggregazione. Poi però non ne hanno cura, la danneggiano e la vandalizzano”.

Un episodio che sarebbe potuto rimanere isolato, forse, se a sorvegliare la scuola ci fosse stato più personale. “Siamo al collasso - tuona ancora la professoressa Gemelli -. Non abbiamo una sorveglianza adeguata, contiamo uno scarso numero di collaboratori. Il nostro è un istituto che ha tre plessi solo sulla piazza di Boccadifalco (l’altro si trova in via Pitrè ndr). E' impensabile che appena dodici collaboratori, che al netto sono due, debbano da soli sorvegliare su una scuola così grande”. E' di appena una settimana fa, infatti, il precedente. In quel caso ad essere vandalizzate furono delle telecamere.

Potrebbe interessarti

  • Pesciolini d'argento, piccoli ma così fastidiosi: come eliminarli dalle case palermitane

  • Al sole sì ma con il filtro giusto, cosa non deve (mai) contenere una crema solare

  • Che rumori, questa casa non è un inferno: come insonorizzare un'abitazione a Palermo

  • Addio pelle secca, cosa fare (e non) per scongiurarla anche con prodotti naturali

I più letti della settimana

  • Incidente in corso dei Mille, scontro fra un'auto e uno scooter: morto un giovane

  • Lo Stato vende 30 immobili in Sicilia, quattro le occasioni a Palermo e provincia  

  • Sferracavallo, stuprata mentre aspetta il treno per l'aeroporto: fermato diciannovenne

  • L'incidente di corso dei Mille, muore in ospedale anche il cugino di Montesano

  • Via Roma, mostra il dito medio alla polizia: arrestato dopo un parapiglia

  • Incidente sulla Palermo-Catania, si ribaltano due mezzi: una ferita

Torna su
PalermoToday è in caricamento