Cronaca Tribunali-Castellammare / Via dei Tintori

Incendio a “Il covo dell’Arte”, lo chef: “Non so se continuerò”

Le fiamme appiccate al ristorante hanno distrutto il portone in legno e parte della facciata provocando oltre settemila euro di danni. Il proprietario Carmelo Marino: “Mai avuto minacce, non so se ripartirò: ho paura per il nostro futuro”

Il portone in legno bruciato, così come parte della facciata e il quadro elettrico. sei-settemila euro i danni causati dall’incendio doloso che ieri mattina ha danneggiato parte del ristorante “Il covo dell’Arte” in via Tintori, di fronte piazza Marina. Una botta pazzesca per lo chef Carmelo Marino che confessa: “Non so se ce la farò a continuare”.

L’apprezzato e fantasioso cuoco, sposato e padre di due figli piccoli, che alcuni mesi fa con la famiglia ha tentato l'avventura imprenditoriale confessa le perplessità sul suo futuro. “Non ho ricevuto minacce – racconta all’agenzia di stampa Agi -. Ho avuto qualche problema con alcuni dipendenti per questioni economiche, ma non so spiegarmi le ragioni di tutto questo. Se non fossero arrivati tempestivamente i vigili del fuoco tutto sarebbe andato distrutto, gli arredi, la cucina. Ma 6-7.000 euro restano tanti per me e non lo so se sarò in grado di ripartire. Ho paura per il nostro futuro”.

Nel locale Marino rielabora i piatti della tradizione seguendo l'ispirazione legata ai grandi maestri dell'arte. “Da dieci giorni io – continua - e gli altri residenti ci lamentavamo perchè spesso manca la luce in zona. Stamattina è arrivata, miracolosamente. Ci sentiamo abbandonati su tanti fronti e sempre più soli". Sul caso continuano ad indagare i carabinieri che non escludono la pista del racket delle estorsioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incendio a “Il covo dell’Arte”, lo chef: “Non so se continuerò”

PalermoToday è in caricamento