Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca Via Sicilia

Castellana, appiccato incendio al portone di un magazzino del presidente del consiglio

I carabinieri indagano sulle fiamme divampate in via Sicilia che hanno danneggiato un immobile riconducibile a Tommaso Di Prima. "Escludo categoricamente - dice - che si tratti di un'intimidazione o di un gesto legato alla mia attività politica"

Il portone danneggiato e il magazzino dopo l'intervento dei vigili del fuoco

Dato alle fiamme il portone di un immobile riconducibile al presidente del consiglio comunale di Castellana Sicula. I carabinieri indagano su un incendio registrato alle 6 di ieri mattina in via Sicilia. Nel mirino il magazzino di Tommaso Di Prima che si è detto certo del fatto che non si tratti di un’intimidazione.

"Escludo categoricamente - dice il presidente del consiglio comunale a PalermoToday - che abbiano voluto lanciarmi un messaggio né credo che sia collegato alla mia attività politica, che cerco di svolgere al meglio e nella maniera più corretta possibile. Tra l’altro non è la mia abitazione ma una sorta di magazzino che usano i miei figli".

Il presidente eletto nel 2017 nella lista “Insieme per Castellana" che supportava l’attuale sindaco Francesco Calderaro una mezza idea sui responsabili se la sarebbe fatta: “Ho detto agli inquirenti che non credo si tratti di un’intimidazione ma piuttosto dell’azione di un balordo. E mi spiace pure che si debba parlare di una cosa del genere”.

Ad accorgersi delle fiamme che stavano iniziando a divorare il portone è stato un passante che ha immediatamente chiamato vigili del fuoco e 112. Sull’episodio indagano i carabinieri che per il momento, dopo aver ascoltato Di Prima, non escludono alcuna pista. Sembra che vicino al magazzino non ci siano telecamere di videosorveglianza che potrerbbero aver ripreso gli autori del gesto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Castellana, appiccato incendio al portone di un magazzino del presidente del consiglio

PalermoToday è in caricamento