Cronaca

Misilmeri, a fuoco un'abitazione: i carabinieri salvano madre e figlia

E' successo nella frazione di Portella di Mare. Gli agenti, dopo aver trascinato la bombola del gas in fiamme fuori dall'abitazione, hanno trascinato fuori le due. Trasportate al Buccheri La Ferla, se la sono cavata senza gravi conseguenze

L'abitazione in cui i carabinieri hanno salvato madre e figlia

Tragedia sfiorata in un'abitazione di Portella di Mare (Misilmeri). Nella tarda mattinata di ieri i carabinieri della stazione locale e del nucleo radiomobile sono intervenuti in una casa del corso principale dove era stato segnalato un incendio. La causa scatenante è ancora da accertare. L'unica certezza è che ha preso fuoco una bombola del gas. Provvidenziale l'intervento delle forze dell'ordine, che hanno portato fuori madre e figlia.

Una volta arrivati sul posto, dopo la segnalazione giunta alla centrale tramite il 112, gli agenti hanno visto le "fiamme sprigionarsi dalla bombola - spiegano i carabinieri - e notato la presenza di persone all'interno dell'immobile". I militari hanno così deciso di portare subito fuori dallo stabile la bombola, per limitare il pericolo dell'esplosione, per poi entrare nuovamente e trascinare fuori la madre e la figlia, rispettivamente di 49 e 17 anni.

Poco dopo l'arrivo di un'ambulanza del 118, gli operatori hanno trovato la madre in evidente stato confusionale e la figlia priva di sensi. Le due sono state trasportate presso l'ospedale Buccheri La Ferla e sono state dimesse quasi 24 ore dopo, dopo gli accertamenti di rito. I vigili del fuoco hanno poi verificato la messa in sicurezza della bombola e l'assenza di danni strutturali nell'abitazione. Il bilancio delle conseguenze dell'incendio è ancora da quantificare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Misilmeri, a fuoco un'abitazione: i carabinieri salvano madre e figlia

PalermoToday è in caricamento