Impastato: “Troppe coincidenze strane Il negozio è un simbolo antimafia”

Parla il fratello di Peppino, titolare del market-pizzeria danneggiato da un rogo: "Il 19 luglio era stato dato alle fiamme il banco di frutta e verdura che avevamo dato in gestione, poi gli arresti a Carini di 20 giorni fa…"

Giovanni Impastato, fratello di Peppino

"Il mio non è solo un negozio, ma un presidio di legalità". Parla Giovanni Impastato, fratello di Peppino, gestore del locale con pizzeria, alimentari e tabacchi, in contrada Vallecera, a Cinisi, danneggiato da un rogo nella notte. Sull'episodio indagano i carabinieri. Non è esclusa la matrice dolosa.
Una pista che non viene scartata nemmeno dal titolare che si trova a Pisa, ma ha subito saputo dell'incendio.

"Ci sono troppe coincidenze strane - afferma Impastato - il 19 luglio hanno dato fuoco al negozio di frutta e verdura annesso al locale che avevamo dato in gestione. Poi il 15 novembre scorso tra i 21 arrestati per mafia a Carini c'era anche Salvatore Rugnetta, che vendeva pesce davanti al nostro negozio. Non so, saranno le indagini a chiarire l'episodio, di certo c'è che subiamo dei danni e non siamo nemmeno assicurati".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il negozio di alimentari venne aperto nel 1966 da Luigi Impastato, padre di Giovanni e Peppino. Diventò pizzeria nel 1976 e poi con gli anni anche edicola e tabacchi. Si trova all'uscita dello svincolo autostradale di Villagrazia di Carini della Palermo-Mazara, a poco meno di una decina di chilometri dal centro abitato di Cinisi. Dopo l'uccisione di Peppino, nel 1978, è diventato anche un luogo simbolo per commemorare il giovane militante di Democrazia Proletaria. Negli ultimi anni, proprio nella pizzeria sono stati organizzati dei dibattiti che hanno visto tra i partecipanti anche lo scrittore Roberto Saviano e il procuratore nazionale antimafia, Piero Grasso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: scatta il coprifuoco dalle 23

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Conte firma il nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata l'ordinanza di Musumeci

  • Regione, nuova stretta anti Covid: locali chiusi alle 23, dad nei licei e trasporti dimezzati

  • Piazza di Mondello, chiuso ristorante: "Bagno senza sapone e lavoratori in nero"

  • Le mosse anti Covid di Orlando: nessun coprifuoco ma divieto di sostare in strada

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento