Notte tra le fiamme a Monreale, incendi ancora attivi: in azione anche canadair

I roghi divampati nelle scorse ore non danno tregua ed ettari di vegetazione sono andati in fumo. Le squadre da terra dei vigili del fuoco proteggono le abitazioni minacciate dal fuoco, con le prime luci dell'alba sono ripresi i lanci d'acqua con i mezzi aerei nelle zone più impervie

Uno dei mezzi dei vigili del fuoco in azione a Monreale

Le fiamme non concedono tregua. Continua a bruciare la vegetazione a Monreale. Gli incendi divampati ieri non sono ancora stati domati ed è stata una notte di tensione. A essere particolarmente colpita è la frazione di Pioppo. Sul posto le forze dell'ordine sono mobilitate da ore senza sosta.

Le squadre da terra dei vigili del fuoco proteggono le abitazioni minacciate dalle lingue di fuoco, mentre con le prime luci dell'alba sono ripresi i lanci d'acqua con i mezzi aerei nelle zone più impervie

Gli incendi hanno avuto più punti di innesco e il sindaco Alberto Arcidiacono già ieri ha parlato di un'azione dolosa. "Fuoco in cinque punti differenti, non è un caso ma le mani sporche di qualche criminale -  ha scritto in un post su Facebook -. Tutte le forze disponibili stanno fronteggiando le lingue di fuoco da terra mentre elicotteri e canadair son in servizio dall’altro. Il problema supera di molto le normali procedure di prevenzione... siamo dinanzi a fenomeni diversi. Già dalle prossime ore valuteremo dei protocolli straordinari".

Il sindaco: "Azione di qualche criminale"
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento