Incendio in casa a Lercara Friddi, a causarlo un incidente con la stufa

Attimi di terrore in via Agrigento, dove un'abitazione al primo piano di una palazzina si è trasformata per qualche minuto in un inferno di fuoco. A provocare il rogo un pezzo di diavolina finito sul divano. Provvidenziale l'intervento dei carabinieri. Due feriti lievi

Incendio in abitazione a Lercara Friddi (foto archivio)

Attimi di terrore per un trentacinquenne a causa di un incendio divampato nel salotto di casa sua. E' accaduto ieri a Lercara Friddi, più precisamente in via Agrigento, dove carabinieri e vigili del fuoco sono dovuti intervenire per trarre in salvo un uomo e domare il rogo. Tempestivo l'intervento dei militari, che hanno cercato di circoscrivere le fiamme con l'estintore in dotazione nell'auto. Il proprietario di casa è stato portato in ospedale per alcune ustioni lievi alle mani ed al viso, insieme ad un carabiniere rimasto intossicato perchè aveva inalato troppo fumo.

Secondo la prima ricostruzione l'incendio sarebbe scoppiato a causa di un pezzo di diavolina che, dalla stufa, è finito sul divano. Pochi istanti e quell'appartamento al primo piano si è trasformato in un inferno di fuoco. Dopo il primo intervento dei carabinieri sul posto sono intervenuti anche i pompieri del distaccamento di Prizzi. Le fiamme hanno danneggiato salotto, cucina e infissi. Al lavoro anche una squadra di tecnici dell'Enel, chiamati in causa per mettere in sicurezza l'impianto elettrico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in via Pitrè, muore travolto da uno scooter mentre passeggia con il cane

  • "C'è un uomo con un mitra sotto braccio!": panico alla Cala, arrivano le squadre speciali

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Zona via Belgio, si suicida lanciandosi dal quarto piano: paura davanti a una scuola

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

Torna su
PalermoToday è in caricamento