rotate-mobile
Cronaca

Bellolampo brucia ancora, dubbi sulle procedure antincendio in discarica: "Si faccia luce su quanto accaduto"

A chiederlo è il consigliere comunale del M5S Antonino Randazzo, dopo il rogo che si è propagato nell'impianto gestito dalla Rap. Vigili del fuoco hanno lavorato tutta la notte e proseguiranno anche oggi con le operazioni di bonifica

Brucia ancora la discarica di Bellolampo. L'incendio nell'impianto di smaltimento dei rifiuti gestito dalla Rap è l'unico rimasto attivo dopo due giorni i cui le fiamme hanno flagellato Palermo e provincia.

Ancora incendi, brucia pure la riserva di Capo Gallo: fiamme vicino alle case | Video  

I vigili del fuoco hanno lavorato tutta la notte nella discarica e proseguiranno anche oggi le operazioni di bonifica. Ci sono focolai ancora accesi da spegnere definitivamente per evitare che le fiamme possano ripartire. La Rap ha ribadito che l'incendio non ha pregiudicato la funzionalità dell'impianto e che la raccolta dei rifiuti prosegue. Da accertare la funzionalità del sistema antincendio realizzato dopo il rogo dell'agosto 2012 che per giorni paralizzò la discarica.

Paure e polemiche da parte dei residenti della zona che da due giorni sono costretti a vivere con le finestre chiuse per il fumo che si alza dalla discarica. Ma non solo. Il consigliere del M5S, Antonino Randazzo, chiede che "venga fatta luce su quanto è successo e soprattutto su i motivi ed eventuali responsabilità che hanno scaturito l’incendio in una delle discariche piu grandi della Sicilia, che non dovrebbe essere gestita da mani improvvisate o inesperte dal punto di vista soprattutto della prevenzione incendi. I rischi di tali evenienze in una discarica, come è noto, dovrebbero essere calcolati con la massima attenzione". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bellolampo brucia ancora, dubbi sulle procedure antincendio in discarica: "Si faccia luce su quanto accaduto"

PalermoToday è in caricamento