Incendio al bene confiscato gestito dalla Noe a Partinico, Arangio: "Istituzioni facciano luce su episodio"

La dichiarazione del presidente di Confcooperative

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

La Confcooperative Sicilia sede di Palermo condanna il gravissimo evento incendiario-criminale che ha colpito il bene confiscato sito in contrada Parrini a Partinico, gestito dalla cooperativa Noe. L’incendio che ha bruciato l'intero fondo distruggendo per intero le arnie con le api a primo esame pare abbia un origine dolosa. Se si dovesse confermare tale origine, l'evento incendiario sul bene confiscato di c.da Parrini, assumerebbe un significato gravissimo. Per questo la Confcooperative chiede alle Istituzioni preposte di indagare in tutte le direzioni affinché si faccia luce su possibili interessi criminosi che ancora mirano a riprendersi il bene.

Si vuole ricordare che la Coop.va Noe, assegnataria del bene confiscato, aveva già rilanciato una progettualità ai fini produttivi e sociali mettendosi in rete con altre realtà del territorio e avviando una collaborazione fattiva con la Coop.va Valdibella che sarebbe dovuto partire entro fine anno. Non bisogna dimenticare quante difficoltà si incontrano nella gestione dei beni confiscati da parte dei soggetti assegnatari di questi beni, gestione resa più difficoltosa a volte, per la difficoltà di interlocuzione con le Istituzioni preposte. Ci facciamo parte attiva- dice il Presidente di Confcooperative Palermo-, per coinvolgere nella nuova progettualità l'Agenzia dei Beni Confiscati con l'efficientissimo nuovo Direttore, nonché il Commissario del Comune, per risolvere gli annosi problemi che spesso hanno limitato la cooperativa Noe a poter raggiungere gli obiettivi che i soci avevano prefissato per una gestione agricola e sociale che potesse esprimere al massimo le potenzialità di questo bene.

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento