Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO | Incendio in via Arimondi, fiamme nel palazzo che ospita la succursale del liceo Garibaldi: salvata coppia di anziani 

Il rogo è divampato al sesto piano. Secondo una prima ricostruzione, è stato causato da un cortocircuito causato da un vecchio computer mal funzionante che in poco tempo ha coinvolto la caldaia. In azione 20 vigili del fuoco e un'autoscala

 

Fiamme e paura in via Arimondi, quasi all'incrocio con la via Sampolo, nel palazzo che ospita la succursale del liceo classico Garibaldi. Ben venti uomini dei vigili del fuoco sono intervenuti per spegnere l'imponente rogo scoppiato, secondo una prima ricostruzione, al sesto piano di una abitazione a causa di un cortocircuito di un vecchio computer mal funzionante che si trovava nella stanza da letto e che ha raggiunto la cucina, coinvolgendo la caldaia. 

Fortunatamente non ci sono feriti ma solo tanto spavento per l'anziana coppia che si trovava dentro l'abitazione quando sono divampate le fiamme. Entrambi sono stati subito tratti in salvo e fatti allontanare dai pompieri entrati all'interno della casa in fiamme grazie all'ausilio di un'autoscala. L'anziana donna è risultata lievemente intossicata dal fumo mentre il marito non voleva lasciare la propria casa. Entrambi sono stati soccorsi dai sanitari del 118 intervenuti sul posto insieme ai carabinieri. Fatte evacuare le abitazioni ai piani immediatamente inferiore e superiore all'appartamento coinvolto dall'incendio. 

I residenti del palazzo di fronte sono fuggiti per paura che l'incendio coinvolgesse tutta l'area. "Ce la siamo vista brutta", commenta una ragazza. In poco tempo il rogo è stato confinato alla sola cucina e la situazione è tornata alla normalità. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
PalermoToday è in caricamento