Il rogo ad Altofonte, distrutte anche reti idriche: sopralluogo della Protezione civile

L'incendio ha cancellato circa 900 ettari di macchia mediterranea. I tecnici valuteranno gli interventi urgenti e necessari alla messa in sicurezza e al ripristino delle aree boschive andate distrutte

Si svolgerà domani ad Altofonte la riunione tecnica convocata dal capo della Protezione civile regionale Salvo Cocina, per stabilire gli interventi urgenti e necessari alla messa in sicurezza e al ripristino delle aree boschive andate distrutte nel corso del vasto incendio sviluppatosi tra il 29 e il 31 agosto scorsi.

Il rogo, che ha mandato in fumo circa 900 ettari di macchia mediterranea, ha distrutto tra le altre cose le reti idriche a ridosso del centro abitato. 

Alle 10,30 sarà effettuato un sopralluogo  tecnico nel bosco della Moarda, fortemente danneggiato dalle fiamme; e a seguire, alle 12,30, si terrà la riunione operativa per valutare gli interventi da adottare. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

Torna su
PalermoToday è in caricamento