Cronaca Libertà / Via Catania

Inaugurato l'ufficio del Garante per l'infanzia: la sede in un bene confiscato alla mafia

In uno stabile di via Catania. Il garante, Pasquale d'Andrea, è stato nominato dal sindaco lo scorso anno e rimarrà in carica quattro anni

L'inaugurazione dell'ufficio del Garante per l'infanzia

Un bene confiscato alla mafia ospita, da oggi, l'ufficio del Garante per l’Infanzia e l’adolescenza. L'inaugurazione, in via Catania 146, si è svolta alla presenza dell'assessore alla Cittadinanza sociale, Agnese Ciulla, dell'assessore alla Scuola, Barbara Evola, dell'assessore al Bilancio, Luciano Abbonato, del presidente del Consiglio comunale, Salvatore Orlando e del Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza, Pasquale D’Andrea.

"Voglio esprimere piena soddisfazione da parte dell'amministrazione comunale per l'apertura di questo Ufficio del Garante dei diritti per l'Infanzia e l'Adolescenza per cui hanno lavorato e hanno dato il loro contributo gli assessori Agnese Ciulla, Barbara Evola e Luciano Abbonato. Ed è significativo  - dice il sindaco Leoluca Orlando - che questo importante servizio alla collettività sia in un immobile confiscato alla mafia. Voglio segnalare, inoltre, l'importanza del fatto che questa struttura non si trovi in un locale comunale e ciò per affermare una terzietà dei diritti dell'infanzia. Per dare un segnale del valore che noi attribuiamo a questi diritti, annunciamo, sin d'ora, che in questo luogo terremo una riunione della Giunta".

Il garante è stato nominato dal sindaco, lo scorso anno, secondo il regolamento approvato dal Consiglio comunale. Dal novembre 2014 a gennaio 2015 ha seguito i lavori del Festival della Città Educativa. Il Garante, che rimarrà in carica quattro anni e opererà a titolo gratuito. Il nuovo ufficio riceverà nei giorni di lunedì, martedì e giovedì, dalle  9,30 alle 12,30. Per informazioni: 091.7404180 e 091.7404181.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurato l'ufficio del Garante per l'infanzia: la sede in un bene confiscato alla mafia

PalermoToday è in caricamento