Cronaca Calatafimi / Via Danisinni

Artisti donano un centinaio di opere: a Danisinni apre il Museo sociale

Lo spazio espositivo, ideato da Enzo Patti e Valentina Console, ospiterà la mostra "Scritture d'artista per Danisinni". Grande festa nel quartiere domenica 27 maggio per l'inaugurazione. Il programma delle iniziative

Grande festa a Danisinni il prossimo 27 maggio per l'apertura del Museo sociale, uno spazio espositivo dove verranno esposte le opere donate da un centinaio di artisti palermitani. Continua senza sosta il cambiamento culturale del quartiere diventato, anche grazie al progetto ‘RamblaPapireto’, meta di writers. In questo luogo, fino a poco tempo fa quasi sconosciuto ai più, molti dei muri delle case basse sono state colorate da murales, è stata inaugurata una biblioteca per bambini e sempre domenica 27 sarà inaugurato anche un tendone permanente destinato ad ospitare una scuola di arti circensi aperta alla città (realizzato grazie alla raccolta crowdfunding lanciata nei mesi scorsi sulla piattaforma Produzioni dal Basso).

"L’idea di questo museo di arte contemporanea nasce - afferma Enzo Patti, uno degli ideatori dello spazio culturale - dopo l’istituzione della LudoBiblioteca, Valentina Console e io, sulla spinta del progetto ‘RamblaPapireto’ condotto con l’Accademia di Belle Arti e il patrocinio del Comune di Palermo, abbiamo pensato di appoggiare a questa biblioteca una collezione di opere d’arte vicine alla scrittura, al libro, dunque scritture d’artista, un territorio al quale appartengo e appartengono molti degli artisti che hanno deciso di prendere parte a questa nuova esperienza donando le proprie opere". 

Nell'attesa che la galleria di Danisinni sia pronta, i quadri fino al 20 maggio si potranno ammirare al piano terra di Palazzo Sant'Elia, nell'ambito della Settimana delle Culture. Il titolo della mostra è già un racconto: "Scritture d'artista per Danisinni". "Si tratta di una collezione - continua Patti - molto interessante che spazia dalla poesia visiva, all’arte figurativa che comprende la parola scritta, sino alla scrittura asemica che è la parte più contemporanea su cui ci vorremmo orientare. A Danisinni non verranno esposte tutte le opere, anche perché gli spazi sono insufficienti e il fondo continua ad ampliarsi: nella LudoBiblioteca del quartiere esporremo delle opere via via diverse, lo spazio fungerà anche da deposito, ma ciò che stiamo già progettando è la realizzazione di tante piccole mostre itineranti, nell’ottica di una collezione che possa essere prestata ad altri musei". 

Fanno parte del nucleo costitutivo del Museo Sociale anche Valentina Console (ideatrice del progetto insieme a Patti), Nicolo D’Alessandro, Calogero Barba, Angela La Ciura, Rossella Puccio e fra Mauro Billetta. Nicolò D’Alessandro è un artista palermitano che gestisce un piccolo Laboratorio-Museo del Disegno. Calogero Barba dirige l’Archivio di comunicazione visiva e libri d'artista a San Cataldo (Caltanissetta). Angela La Ciura è una storica dell’arte e medievalista. Rossella Puccio è una giornalista e fra Mauro Billetta, parroco della Chiesa Santa Agnese ai Danisinni. 

"Il Museo Sociale - aggiunge Valentina Console - è un presidio culturale permanente che si inserisce in un territorio impegnato nel proprio riscatto, tra gli obiettivi anche quello di partecipare al processo di recupero dell’antico percorso arabo-normanno che unisce Palazzo dei Normanni al Castello della Zisa. Durante questa passeggiata il turista potrà trovare punti di riferimento come il piccolo Museo di scritture d’artista, il giardino condiviso dove si potrà fare il picnic dentro la città, l’orto e la fattoria didattica, la LudoBiblioteca, e le opere muralilungo i vicoli e la piazza. Con queste operazioni di riqualificazione in chiave artistica, avviate già da tre anni, abbiamo richiamato street artist locali e internazionali di passaggio, mentre con il Museo sociale Danisinni diamo vita a un polo artistico contemporaneo stabile all’interno della città, che attiverà anche una serie di scambi con l’esterno".

Alcuni degli artisti in collezione

Mirella Bentivoglio, Cristiano Caggiula, Francesco Aprile, Giusto Sucato, Nicolò D’Alessandro, Enzo Patti, Calogero Barba, Liliana Conti Cammarata, Cosimo Cimino, FernandoAndolcetti,Dona Mayoora, Ruggero Maggi, Fernanda Fedi,Tiziana Baracchi, Martina Pecoraino, Linda Sofia Randazzo e anche gli street artist che con le loro opere murali hanno affrescato Danisinni: il brasiliano GuiZagonel e Marco Mirabile (TemetNosce)

Il programma della festa

Domenica 27 maggio giornata di eventi aperta a tutti: laboratori di circo, trucco teatrale, pittura, origami, letture, passeggiate nel quartiere per scoprire le opere murali che lo affrescano, e poi musica per i più grandi a partire dalle 20 con band e artisti rinomati. Il programma è in continua evoluzione per le continue adesioni che l’iniziativa sta raccogliendo, per rimanere aggiornati basta collegarsi alla pagina facebook ‘RamblaPapireto’.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Artisti donano un centinaio di opere: a Danisinni apre il Museo sociale

PalermoToday è in caricamento