"Hanno minacciato i miei figli", la denuncia dell'imprenditore antiracket Calì

Titolare della Calicar di Altavilla, l'imprenditore ha più volte ricevuto richieste estorsive e ha sempre denunciato. Una posizione "scomoda", che lo ha portato a subire nel tempo diverse intimidazioni

Gianluca Calì - Foto Facebook

"Oggi pomeriggio alle 16.50 circa, 2 persone sui 45 anni su una Mercedes recente scura con tutti i vetri oscurati compresi gli anteriori, all'uscita da scuola dei miei figli hanno avvicinato la baby sitter chiedendo con accento siciliano se fossero i figli di Calì e lei ha risposto, no i miei". E' la denuncia dell'imprenditore di Casteldaccia Gianluca Maria Calì.

L'episodio è stato reso noto anche su Facebook. "Sono profondamente scosso -  scrive Calì - ma sto facendo la doverosa denuncia e sono sempre fiducioso nelle istituzioni e nello Stato".

Titolare della Calicar di Altavilla, l'imprenditore ha più volte ricevuto richieste estorsive e ha sempre denunciato. Una posizione "scomoda", che lo ha portato a subire nel tempo diverse intimidazioni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quella notte d'amore all'Ucciardone, Graviano: "Ho fatto un figlio ed ero al 41 bis"

  • Colpo al clan dell'Arenella, 8 arresti: c'è anche il boss accusato della strage di via D'Amelio

  • Donna di 52 anni muore al Policlinico, tensione in ospedale: familiari sporgono denuncia

  • Mafia, la vedova Schifani sull'arresto del fratello: "Sono devastata, per me è morto ieri"

  • La migliore arancina di Palermo? Simone Rugiati non ha dubbi: "E' quella di Sfrigola"

  • L'Arenella e lo Scotto da pagare: dallo "stigghiolaro" a Galati nella rete del racket

Torna su
PalermoToday è in caricamento