Ricorso contro l'impianto di compostaggio rifiuti a Terrasini, il Tar prende tempo

Il giudice ha rinviato la sentenza definitiva sul progetto: fissata tra sei mesi un'udienza di merito. Il comitato Zucco Paterna: "E' una prima vittoria". Più cauto il sindaco Maniaci: "Siamo contenti perché il giudice ha accolto la nostra istanza ma è ancora tutto da vedere"

Bisognerà attendere sei mesi per sapere se in contrada Paterna, a Terrasini, nascerà oppure no il contestato impianto di stoccaggio e di compostaggio rifiuti non pericolosi. Nel corso dell'udienza di ieri il Tar ha preso del tempo per emettere la sentenza definitiva sul progetto: il giudice ha fissato un'udienza di merito a giugno.

"È una prima vittoria del nostro Comitato Zucco Paterna, assistito dall'avvocato Carlo Pezzino Rao, che ha lottato - afferma Antonio Catalfio, membro del comitato - per fermare l'impianto nelle campagne produttive di Terrasini". Più cauto il sindaco Giosuè Maniaci: "Siamo contenti perchè il giudice ha accolto la nostra istanza - commenta il sindaco Giosuè Maniaci - ma è ancora tutto da vedere. Non c'è nessuna sospensiva alle autorizzazioni quindi non resta che aspettare l'udienza di merito fissata tra sei mesi". 

Il Comune in questi mesi di lotta è stato al fianco dei residenti che non vogliono l'impianto e ha presentato ricorso contro il provvedimento regionale che autorizza la ditta “Edil Ambiente” alla realizzazione e gestione dello stesso nominando come suo legale Francesco Stallone. L'amministrazione ha dato seguito alla volontà espressa dal Consiglio comunale che facendo proprie le preoccupazioni della cittadinanza, delle associazioni ambientaliste e delle categorie produttive turistico-alberghiere, ha manifestato già in fase procedimentale la contrarietà al progetto lesivo di superiori interessi pubblici ritenuti meritevoli di tutela.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Tempi biblici... Burocrazia bigotta... Sistema giudiziario da rettificare...

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Le "vampe" di San Giuseppe infiammano la città, a Ballarò arance contro polizia e vigili

  • Cronaca

    Padre e figlio freddati allo Zen, convalidato l'arresto del reo confesso

  • Cronaca

    Zen sotto assedio, perquisizioni nelle case: preso 22enne con pistola e coca

  • Cronaca

    Arriva il presidente cinese, città blindata: divieti e strade chiuse al traffico

I più letti della settimana

  • Omicidio allo Zen, sparatoria in strada: morti padre e figlio

  • Cocaina a gogò per i professionisti: terremoto nella mafia di Porta Nuova, 32 arresti

  • Incidente mortale in via Roma, con l'auto uccide pedone e poi scappa

  • Gli omicidi dello Zen, un giovane si costituisce: "Sono stato io a sparare"

  • Omicidio nella notte: ucciso con un colpo di pistola in via Gaetano Costa

  • Il killer che parla, i 12 spari al tramonto e il silenzio dello Zen: "Una lite dietro l'omicidio"

Torna su
PalermoToday è in caricamento