rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Cronaca Villaggio Santa Rosalia

L'impatto degli incendi e la gestione delle aree percorse dal fuoco: "Servono più dottori in Scienze Agrarie e Forestali"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

"Impatto degli incendi e gestione delle aree percorse dal fuoco", questo il titolo dell’incontro che si è tenuto due giorni fa nell'aula magna Gian Pietro Ballatore del dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Forestali (Saaf) dell’Università.

L’incontro, organizzato dal Saaf e dall’Ordine dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della provincia di Palermo, moderato dalla professoressa Crescimanno, ha previsto relazioni da parte dei docenti dell’Università di Palermo e dell’Università di Reggio Calabria (Proff. L. Gianguzzi, V. Bagarello, G. Bombino, V.A. Laudicina, C. Di Franco, D.S. La Mela Veca), di esponenti degli enti regionali (Comandante sup. Corpo Forestale Reg. Sicilia Marco Virga) e dell’ordine professionale (dott. A. Paladino).

Le relazioni hanno riguardato l’impatto degli incendi sulla biodiversità vegetale e sul suolo, e la stima del danno da incendio. Inoltre, è stato presentato un caso studio su come intervenire nel post incendio. Ed ancora, particolarmente stimolante, è stata la presentazione dell’attività investigativa antincendio boschivo del Corpo forestale della Regione Siciliana.

Alla tavola rotonda hanno partecipato i Relatori, i rappresentanti dell’Ordine e della Federazione degli Ordini dei Dottori Agronomi e dei Dottori Forestali della regione Siciali. Il dibattito è stato stimolato dalle domande e curiosità poste dai numerosi studenti dei corsi di studio afferenti al Saaf che hanno seguito l’incontro.

L’importanza della prevenzione antincendio e di prendere adeguata coscienza dell'entità distruttiva del fuoco sulla vegetazione e sul suolo, la necessità di ricostituzione dello status dei dottori in Scienze Agrarie e Forestali all'interno della Pubblica amministrazione e della formazione di esperti nella gestione degli incendi per la tutela della popolazione e del territorio, la sostanziale necessità di "osservare i progetti della natura" prima di intervenire post incendio con azioni non basate su dati scientifici, sono tra le principali linee di intervento da mettere in atto che sono emerse dalla discussione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'impatto degli incendi e la gestione delle aree percorse dal fuoco: "Servono più dottori in Scienze Agrarie e Forestali"

PalermoToday è in caricamento