menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Al porto 712 migranti, ci sono anche 63 bambini

Provengono dalla Nigeria, dal Senegal, Gambia, Guinea, Sierra Leone, Mauritania, Benin, Liberia, Mali, Ghana, Libia, Costa d'Avorio, Togo

E' approdata al molo Puntone del porto la nave con a bordo 712 migranti soccorsi nelle scorse ore dalle navi della Marina Militare al largo della Libia. Tra loro ci sono 598 uomini, 51 donne e 63 bambini. Provengono dalla Nigeria, dal Senegal, Gambia, Guinea, Sierra Leone, Mauritania, Benin, Liberia, Mali, Ghana, Libia, Costa d'Avorio e dal Togo. Una volta scesi a terra, sono stati accolti dalle forze dell'ordine, dai medici dell'Asp e dal personale della della Croce Rossa, della Caritas e della Protezione civile.

"Oggi la Siem Pilot torna a Palermo per la seconda volta portando un nuovo carico di vite umane salvate - ha detto il sindaco Leoluca Orlando -. Sempre con grande efficienza e umanità accogliamo questi disperati, vittime di una legislazione europea fatta di egoismo. Garantiremo loro tutto quanto è necessario e li smisteremo nei diversi centri opportunamente organizzati. Voglio ringraziare tutti coloro che sono presenti al porto insieme a me per testimoniare che Palermo è la città dell'accoglienza, nonostante tanti non abbiano ancora compreso che siamo in presenza di un vero e proprio genocidio, del quale noi palermitani non vogliamo essere chiamati responsabili. In particolar modo, - ha concluso Orlando - ringrazio la Prefettura, con la quale lavoriamo in piena intesa e stiamo predisponendo ulteriori forme di intervento che vanno oltre questo che per noi è ordinaria accoglienza".

"La situazione è complessa, siamo nel mese di marzo e il numero di migranti che sbarca sulle nostre coste è aumentato - ha dichiarato l'assessore Agnese Ciulla -. Per fortuna c'è una forte collaborazione tra istituzioni, privato sociale e servizi che ci consente di garantire a tutti la giusta accoglienza e un'adeguata sistemazione".

"Come Consulta delle Culture -ha sottolieneato il presidente Darawsha - chiediamo ancora una volta l'abolizione del permesso di soggiorno e ci auguriamo che presto venga riconosciuto il diritto di tutti alla mobilità, in maniera tale che tutti possano integrarsi e vivere dove vogliono".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento