Cronaca

"Immaturi" diventa una serie tv, il regista: "A Palermo è successo davvero"

La serie, che debutta in prima serata su Canale 5, racconta la storia di un gruppo di 40enni costretti a riaffrontare la temuta prova. Una trama apparentemente surreale. Paolo Genovese: "A Palermo un'intera classe ha dovuto rifare l'esame perché lo aveva comprato"

Dal cinema alla tv il passo è stato breve. Scritta da Paolo Genovese, che ne ha curato anche la supervisione artistica, con la regia di Rolando Ravello, arriva "Immaturi - La serie", ispirata ai due omonimi film che hanno sbancato il botteghino nel 2010 e nel 2012.

La fiction, in onda da stasera, venerdì 12 gennaio, su Canale 5, racconta in 8 puntate la storia di un gruppo di quarantenni costretto, dopo 20 anni, a tornare sui banchi di scuola perché il Ministero della Pubblica Istruzione ha annullato il loro esame di maturità. Nel cast alcuni dei protagonisti del film, come Ricky Memphis, che vestirà ancora una volta i panni di Lorenzo, Maurizio Mattioli in quelli di suo padre, Luca Bizzarri nella parte di Piero e Paolo Kessissoglu nel ruolo di Virgilio.

Tra le new entry Nicole Grimaudio, al posto di Ambra Angiolini nel ruolo di Francesca, Irene Ferri è Luisa, nel film interpretata invece da Barbara Bobulova, e poi ancora Daniele Liotti (Daniele), Sabrina Impacciatore (Serena), Ilaria Spada (Claudia), Paolo Calabresi (Gigi).

Una trama apparentemente surreale. Chi non ha mai avuto l'incubo di dover rifare l'esame di maturità, magari da adulto? Ma è così impossibile che questo accada anche nella realtà? Il regista Paolo Genovese (Perfetti sconosciuti e The Place), direttore artistico del progetto, racconta che tanto impossibile non è: "È accaduto sei mesi dopo l'uscita del film, a Palermo, dove un'intera classe ha dovuto rifare l'esame perché lo aveva comprato". Successe nel 2011: dopo dieci anni 150 persone si erano viste annullare il proprio esame di maturità. Il titolo fu dichiarato invalido da una sentenza della terza sezione del Tribunale di Palermo che decise di infliggere 43 anni complessivi di condanne a presidi e impiegati di istituti privati che distribuivano titoli falsi. Furono diverse le scuole palermitane finite nel mirino degli investigatori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Immaturi" diventa una serie tv, il regista: "A Palermo è successo davvero"

PalermoToday è in caricamento