Edilizia, il collegio dei geometri consegna al Comune un vademecum

In particolare, il presidente Carmelo Garofalo ha proposto l'attivazione di una collaborazione, già sperimentata con successo in Puglia, tra Cassa di Previdenza, Consiglio Nazionale dei Geometri e pubblica amministrazione , incentrata su un fondo rotativo a cura della stessa Cassa, che consente di anticipare per conto dei Comuni ai geometri impiegati in operazioni di censimento, valorizzazione e regolarizzazione del patrimonio immobiliare e infrastrutturale, le somme relative alla loro retribuzione.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

A presentare il documento è stato il Collegio dei Geometri e Geometri laureati della provincia di Palermo presieduto da Carmelo Garofalo che, congiuntamente al consigliere segretario Santo Rosano e al geometra Pasquale Marchetta ha incontrato il sindaco Leoluca Orlando e il consigliere comunale Antonino Sala; nell'ambito di un successivo incontro, il dossier è stato presentato al vice sindaco Emilio Arcuri e ai dirigenti Mario Li Castri, capo area alle Infrastrutture ed Edilizia privata, Paolo Porretto e Giuseppe Monteleone, rispettivamente del SUEP e del SUAP, Roberto Termini della Città storica , Giovanni Carlo Galvano del Condono edilizio e Gabriele Marchese, capo area dell'Innovazione tecnologica.

I geometri hanno illustrato l'esperienza compiuta con successo dai Collegi di alcune città pugliesi , tra le quali Lecce e Barletta, relativa alla collaborazione tra la pubblica amministrazione , il Consiglio Nazionale e la Cassa di Previdenza Geometri, proponendo la stipula di un protocollo d'intesa per la promozione di convenzioni finalizzate ad operazioni di censimento e pratiche di regolarizzazione e valorizzazione del patrimonio immobiliare infrastrutturale di proprietà municipale.

"La Cassa di Previdenza - chiarisce Garofalo - ha istituito un fondo rotativo che consente di anticipare per conto dei Comuni le spese da sostenere per retribuire i professionisti geometri impiegati; auspichiamo che anche a Palermo questo progetto possa realizzarsi in collaborazione con l'amministrazione cittadina".

Il dossier annovera, tra i propri punti salienti, anche alcuni suggerimenti finalizzati al miglioramento dei servizi negli uffici tecnici municipali: nello specifico, per i geometri risulta fondamentale la dotazione di un sistema telematico efficiente che consenta la gestione di tutte le pratiche edilizie.

"Abbiamo colto l'occasione - si legge in una nota del Collegio - per riproporre al sindaco e ai dirigenti il ripristino del tavolo tecnico, già precedentemente istituito con l'obiettivo di riunire istituzione comunale, professionisti, Ordini e Collegi accomunati dalla volontà di adottare azioni condivise per l'attuazione di procedimenti tecnici ed amministrativi".

Nell'ambito dei due incontri svoltisi, è stato inoltre affrontato il tema delle pratiche di condono edilizio, per le quali saranno adottate procedure che consentiranno la loro realizzazione, oggetto di una disposizione dell'ufficio competente.

Torna su
PalermoToday è in caricamento