Via Villafranca, "gilet azzurri" in sit in contro i licenziamenti di Igea Banca

La manifestazione è stata organizzata dalla Fabi con il supporto di First Cisl, Fisac Cgil, Unisin assieme alle confederazioni Confsal e Ug

Sindacati in piazza contro i licenziamenti di Igea Banca. La manifestazione in via Villafranca, davanti la sede dell'istituto di credito, è stata organizzata dalla Fabi, con il supporto di First Cisl, Fisac Cgil, Unisin assieme alle confederazioni Confsal e Ugl. I rappresentanti Fabi, durante il sit in, hanno sfilato simbolicamente con i gilet azzurri. Quella di oggi è solo la prima protesta pubblica: il 31 gennaio è in programma un presidio davanti la sede cittadina della Banca d'Italia e poi una manifestazione a Roma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La parola licenziamenti significa oltraggio nella nostra categoria - dice il coordinatore della Fabi Sicilia, Carmelo Raffa -. Sono furibondo perché Banca Igea sta violando le regole e calpestando gli sforzi dei cittadini palermitani e siciliani che pochi anni fa hanno messo a disposizione fondi per far nascere l'istituto. Non è lecito a nessuno aprire una fase d'incertezza occupazionale in un settore che ha sempre garantito ai lavoratori con contratto a tempo indeterminato, che non hanno commesso illeciti, la stabilità d'impiego".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Straordinario ritrovamento a Caltavuturo: scoperta strada del secondo secolo Dopo Cristo

  • Coronavirus, altri 65 nuovi casi in Sicilia: Palermo la provincia più colpita

  • Coronavirus, in Sicilia ci sono altri 77 casi: positiva un'infermiera all'Ingrassia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento