Hotel delle Palme, la Fiom: "Operai impegnati nel restauro rimasti senza lavoro e senza aiuti"

Il sindacato punta i riflettori su dieci lavoratori della Mare Resort srl, incaricata di eseguire lavori edili e di impiantistica nella struttura: "Siano garantiti gli ammortizzatori sociali”

Fuori dal “Cura Italia” e senza stipendio. Sono un gruppo di lavoratori metalmeccanici assunti dopo il 23 febbraio, data di inizio dell'emergenza. Il decreto “Cura Italia” varato il 18 marzo non li ha inclusi tra i lavoratori che hanno diritto agli ammortizzatori sociali. E così, da quando anche la loro azienda come tutte le altre si è fermata per lo stop alle produzioni imposto dai decreti del governo Conte del 22 e 25 marzo, per l'emergenza Covid-19, sono rimasti senza stipendio e senza cassa integrazione. Il caso lo denuncia la Fiom Cgil Palermo. Riguarda 10 operai della Mare Resort srl, azienda palermitana di costruzione edifici residenziali e non residenziali, che stava svolgendo lavori edili e metalmeccanici di impiantistica, all'interno delle opere di restauro in corso al Grande Hotel delle Palme di via Roma.

"Si trovano in una gravissima situazione. A causa della loro assunzione successiva al 23 febbraio – dichiara Francesco Foti, della Fiom Cgil Palermo - Non hanno i requisiti per l’accesso alle integrazioni salariali e non hanno maturato ferie e permessi di anni precedenti da utilizzare. Né, in virtù del blocco dei licenziamenti economici opportunamente disposto dal governo, possono vedere risolto il rapporto di lavoro e accedere alla Naspi. I metalmeccanici erano stati assunti con contratto a tempo indeterminato dalla Mare Resort prima dell'entrata in vigore del  decreto. Hanno avuto il tempo di lavorare tre-quattro giorni e poi è subentrata la chiusura. Chiediamo al governo che nel prossimo decreto trovino delle soluzioni per consentire a questi lavoratori di poter essere retribuiti e rientrare negli ammortizzatori sociali”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Fiom Cgil Palermo ha chiesto un incontro urgente all'azienda, per garantire i lavoratori e le loro famiglie, e ha inviato tre note all'assessore al Lavoro del Comune di Palermo Giovanna Marano, all'assessore regionale alle Politiche sociali del Lavoro Antonio Schiavone e al ministro del Lavoro, Nunzia Catalfo,  ponendo all'attenzione delle istituzioni locali, regionali e nazionali il grave problema vissuto dagli operai della Mare Resort ma anche da altri lavoratori del territorio palermitano. “La situazione riguarda anche altri, è più estesa di quanto si pensi - scrive la Fiom -  Questi lavoratori sono posti di fronte alla chiusura delle aziende, che non li retribuiscono, non hanno elaborato alcun mezzo di ausilio per loro e non possono accedere ad alcuna forma di sostegno al reddito. La situazione è già gravissima ora e potrà rivelarsi peggiore nelle prossime settimane, per l'obiettiva incertezza circa il ritorno del sistema alla normalità. Chiediamo un riscontro sulle misure da mettere in campo per per risolvere, o quanto meno alleviare, il disagio segnalato”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mega rissa a Ballarò, in trenta si affrontano a pugni e sprangate: ferito anche un bambino

  • Sembra un'ape ma non è, in estate arriva il bombo: come riconoscere questo insetto

  • Incidente tra via Libertà e via Notarbartolo, medico cinquantenne muore dopo 10 giorni

  • Prima un'erezione di 4 ore, poi la morte: come riconoscere il velenosissimo ragno delle banane

  • Folla senza mascherina al Berlin, scatta chiusura: "Denunciato il titolare"

  • Sanità palermitana in lutto, è morto il cardiologo Giuseppe Andolina

Torna su
PalermoToday è in caricamento