menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Hackera il sistema informatico dell'azienda per "soffiare" lo stipendio a un dipendente

E' l'articolato stratagemma messo a punto da un 35enne che vive a Palermo che, spacciandosi per un 39enne padovano ha provato a truffare la ditta in cui quest'ultimo lavora. Dopo le indagini dei carabinieri l'uomo è stato denunciato

Hackera il sistema informatico dell'azienda per "soffiare" lo stipendio a un dipendente: è assai articolato lo stratagemma messo a punto da un uomo di 35 anni residente a Palermo che, spacciandosi per un 39enne padovano ha provato a truffare la ditta presso cui quest'ultimo lavora. Una truffa decollata a Palermo e che dopo il "viaggio" online, è stata messa in pratica a Padova.

La scoperta

A portare a galla l'imbroglio sono stati i carabinieri di Carmignano di Brenta a cui la vittima di 39 anni, residente in paese, si è rivolta. L'inganno ha cominciato ad emergere quando, lo scorso novembre, la ditta di impiantistica Fen Srl di Tezze sul Brenta (Vicenza) si è vista arrivare una mail. Il sedicente mittente era uno dei dipendenti, proprio il 39enne di Carmignano, che chiedeva ai datori di lavoro di accreditargli i prossimi stipendi su un nuovo conto corrente. L'azienda prima di qualsiasi mossa ha chiesto conferma al lavoratore, che però era all'oscuro di tutto.

La denuncia

A quel punto si è scoperto che qualcosa non quadrava. Rivolgendosi ai militari la vittima è così venuta a conoscenza del fatto che le sue credenziali erano state hackerate via internet e con quelle un anonimo truffatore era riuscito a penetrare nei sistemi informatici aziendali tentando di spacciarsi per il padovano e di impadronirsi del suo stipendio. Lunga e complessa l'indagine che ne è seguita e che ha permesso di risalire al presunto autore del raggiro. Questa mattina infatti i carabinieri hanno notificato una denuncia per tentata truffa, sostituzione di persona e accesso abusivo a sistemi informatici al 35enne - M.S. le sue iniziali - che vive a Palermo. Ulteriori accertamenti sono in corso per verificare come l'uomo sia riuscito a impossessarsi dei dati del carmignanese e se sia responsabile di altri reati analoghi.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento