Cambio al vertice provinciale della guardia di finanza, si insedia Quintavalle Cecere

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Oggi, nella caserma "Vincenzo Mazzarella" della guardia di finanza di Palermo, alla presenza del comandante Regionale Sicilia, Riccardo Rapanotti, e di una folta rappresentanza di ufficiali e militari appartenenti ai Reparti alla sede, si è svolta la cerimonia di avvicendamento nella carica di comandante provinciale di Palermo tra il Giancarlo Trotta e Antonio Nicola Quintavalle Cecere.

Il generale Trotta, che al termine di cinque anni di servizio al vertice delle Fiamme Gialle palermitane si accinge ad assumere l’importante incarico di ufficiale di collegamento presso il ministero della Difesa, ha ringraziato i finanzieri di Palermo per gli eccezionali risultati di servizio conseguiti in questo periodo, esprimendo loro e alle rispettive famiglie i suoi sentimenti di stima e sincero affetto, nonché ha formulato sentiti auguri di buon lavoro al nuovo comandante provinciale Gen.B. Antonio Nicola Quintavalle Cecere per il delicato incarico che si appresta ad assumere.

Antonio Nicola Quintavalle Cecere è nato a Napoli il 18/03/66 ed è coniugato. Proviene dal comando provinciale di Catania dove ha prestato servizio per due anni. Nel corso della sua carriera è stato assegnato al comando di reparti territoriali, del gruppo di investigazione sulla criminalità organizzata di Napoli, del nucleo di polizia tributaria di Bari. Ha altresì ricoperto l’incarico di capo ufficio presso il II reparto
coordinamento informativo e relazioni internazionali del comando generale.
 

 
 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento