Guadagna, macelleria tolta alla mafia diventa centro aggregazione per bimbi

Locali in via Belmonte Chiavelli affidati a una società cooperativa. Il consigliere della terza circoscrizione Merlo: "Un punto di riferimento per la legalità"

L'ex macelleria che diventerà un centro per bimbi

Un ex macelleria appartenente alla famiglia Lo Cascio, bene confiscato alla mafia 20 anni fa, viene assegnato al "Cantiere delle idee - società cooperativa", che fa capo a Loredana Lo Nero.

"Dopo la difficile e tortuosa assegnazione del bene - spiega Gaetano Merlo, consigliere del Partito democratico per la terza circoscrizione - la Guadagna acquisisce un pezzo importantissimo per lo sviluppo della zona che adesso avrà un punto di riferimento per le fasce d'età svantaggiate. Un locale di circa 150 metri quadrati che sarà messo a disposizione di tutti gli abitanti del quartiere, che hanno già mostrato interesse per questo ritrovo". Per rimettere in sesto il centro, infatti, è stato fondamentale l'apporto dei volontari della zona che, dopo una raccolta fondi, hanno avviato autonomamente i lavori. A terra si vedono ancora dei grossi buchi, utilizzati come maniglie per aprire una botola sotto il pavimento, possibile nascondiglio di un arsenale della mafia.

"Che un'armeria di una famiglia mafiosa diventi un luogo di aggregazione per bambini del quartiere è un fatto storico alla Guadagna. Bisogna seguire queste associazioni che fanno nascere, senza paura, questi centri con grande impegno e nonostante tutte le difficoltà - dichiara il consigliere comunale del Pd, Vincenzo Tanania -. Bisognerebbe creare un'agenzia ad hoc per coadiuvare la gestione". Sono ancora molti i beni confiscati non assegnati ad alcuna realtà, ne come case popolari per l'emergenza abitativa ne per altri utilizzi; la trafila burocratica è lunga e il comune non sblocca i finanziamenti per potere ristrutturare questi spazi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre al tardivo aggiornamento delle liste dei beni confiscati (l'ultimo risale al 4 agosto 2011), le assegnazioni non rispettano alcun criterio logico. Nel 2010, l'inviata di "Striscia la notizia" Stefania Petyx, sottolineò come alcuni beni, pronti per la consegna, fossero stati affidati ad associazioni, anche a scopo di lucro, che non hanno saputo o voluto sfruttarle, mentre centri come il "Cantiere delle idee", ricevono in affidamento locali da ristrutturare a proprie spese con le difficoltà che ne derivano. L'inaugurazione del centro è prevista per giorno 27 ottobre, ore 16, in via Belmonte Chiavelli 16/a.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo di Palermo, scossa di magnitudo 2.7 avvertita dalla popolazione

  • Incidente all'Acquapark, giovane batte la testa: ricoverato in gravi condizioni

  • Figlia morta dopo il Gratta e vinci perdente: chiesta condanna a 6 anni per la mamma infermiera

  • Vendono frutta e verdura con il reddito di cittadinanza in tasca, nei guai 2 fratelli

  • Con lo scooter investì e uccise un anziano e il suo cane, morto un trentenne

  • Suicidio all'Uditore, cinquantenne si getta dalla finestra e muore

Torna su
PalermoToday è in caricamento