Tappa nelle scuole palermitane per il "Green Game"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

E' entusiasmante la risposta delle scuole che stanno ospitando Green Game e grande è la soddisfazione dei Consorzi Nazionali per la Raccolta, il Recupero ed il Riciclo degli Imballaggi (Cial, Comieco, Corepla, Coreve, Ricrea e Rilegno) promotori dell'innovativo format didattico di e-learning con l'obiettivo di sensibilizzare i ragazzi e famiglie verso una corretta raccolta differenziata.

Gli studenti coinvolti nel progetto manifestano emozione, tantissima curiosità e voglia di dimostrare di essere preparati ed informati sulle buone norme inerenti il corretto riciclo dei rifiuti. La complicità, lo spirito di squadra ed il lavoro in team tra i componenti della stessa classe, unita all'agonismo della sfida contro le altre classi producono emozioni ed adrenalina che alimentano questa modalità didattica molto performante.

Questa settimana Green Game si trova a Palermo. Graditissima ospite dell'appuntamento all'IPSSAR Borsellino è stata l'assessore alla Scuola del Comune di Palermo, Barbara Evola. “E' un'iniziativa di grande interesse - ha dichiarato  - perché bisogna educare le nuove generazioni non solo al rispetto delle regole per mantenere pulita la città, ma soprattutto all'importanza del recupero delle risorse e può diventare anche un'occasione per nuovi sbocchi lavorativi per la Sicilia che è ancora indietro sul tema dei rifiuti. Confidiamo nel fatto che i ragazzi riescano ad educare gli adulti su questo delicato argomento”.

Dello stesso parere Salvatore Drago, docente dell'IPSSAR Borsellino, che ha affermato: “Queste iniziative dovrebbero essere svolte con più continuità. La competizione che si instaura tra i ragazzi è davvero coinvolgente e il risultato è la totale attenzione sugli argomenti trattati”.

“I ragazzi hanno assistito alla 'lezione del futuro' ha dichiarato Rosa Maria Teresi, docente dell'IPSSAR Borsellino -. Questo è il metodo giusto di approccio con le nuove generazioni. La raccolta differenziata a Palermo non è un tema molto sentito, si dovrebbe fare molto di più, quindi ben venga Green Game che dal mio punto di vista dovrebbe essere un appuntamento fisso e continuativo”.

Il Comune di Palermo insieme al ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, alla Regione Siciliana, alle Province Regionali di Agrigento, Caltanissetta, Catania, Enna, Messina, Ragusa, Siracusa e dalla Città Metropolitana di Palermo, e ai Comuni di Agrigento, Enna, Ragusa, Siracusa, Trapani e Messina – Assessorato ai Rifiuti all'Ambiente e ai Nuovi Stili di Vita sono gli Enti patrocinanti di Green Game. Domani il progetto approderà al Liceo A. di Rudinì e al Liceo Classico Umberto I; mercoledì all'Istituto Tecnico per Geometri “Parlatore” e al Liceo Artistico Ragusa; giovedì i protagonisti saranno gli studenti del Liceo Classico “Meli” e dell'Istituto Tecnico Commerciale “Pareto”, per chiudere la settimana, venerdì, con il “Liceo Classico Vittorio Emanuele II” e il Liceo Scientifico “Cannizzaro”.
 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento