Una catechista di 41 anni muore per aneurisma, trapianto polmoni salva ragazza palermitana

Graziana Mattei si è spenta a Ragusa negli scorsi giorni. La sua famiglia ha dato il via libera all’espianto degli organi

Graziana Mattei non è morta invano. La catechista di 41 anni che si è spenta nei giorni scorsi a Ragusa a causa di un aneurisma salverà delle vite anche a Palermo. La donna, impegnata nel sociale, amata e nota nella città iblea, lascia due figli di 13 e 5 anni. Un dolore reso più grande dalle misure di restrizione per contenere l’epidemia da Coronavirus in Italia che impediscono il funerale e quindi l'ultimo saluto alla catechista.

Il Coronavirus non ha comunque stoppato la macchina della sanità, e quella dei trapianti. La famiglia ha infatti dato il via libera all’espianto degli organi di Graziana Mattei. Il prelievo è avvenuto ieri nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Giovanni Paolo II di Ragusa. Polmone, fegato, reni e cornee sono gli organi prelevati. Alcuni organi raggiungeranno l'Ismett.

Il dono di Graziana consentirà di salvare la vita di una ragazza palermitana da giorni collegata ad apparecchiature e tenuta in vita in attesa di un possibile trapianto. I reni saranno trapiantati a due pazienti, uno presso l'Ismett e uno al Policlinico di Catania. Il fegato salverà un bambino di Roma e un altro paziente in attesa all'Ismett di Palermo. Alla donna sono state prelevate anche le cornee, e quindi  trasportate alla banca delle cornee di Mestre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento