menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
 Spatafora ai box della Targa Florio nel 1972 - foto Facebook associazione culturale "Amici della Targa Florio"

Spatafora ai box della Targa Florio nel 1972 - foto Facebook associazione culturale "Amici della Targa Florio"

E' morto il pilota Pucci Spatafora, mito palermitano della Targa Florio

Aveva 71 anni. Con la sua 850 Abarth, la sua Porsche 911 Coupe e la sua "Fulvia Zagato" è stato uno dei volti più conosciuti dell'automobilismo siciliano

Scompare un pezzo di storia dell'automobilismo. E' morto, dopo una lunga malattia, Giuseppe "Pucci" Spatafora, 71 anni, pilota palermitano a cavallo degli anni Settanta e Ottanta. Con la sua 850 Abarth, la sua Porsche 911 Coupe e la sua "Fulvia Zagato" è stato uno dei volti più conosciuti dell'automobilismo siciliano. Ha partecipato a molte edizioni della Targa Florio. Varie volte campione regionale e anche nazionale, amava soprattutto le gare "in salita". I funerali si svolgeranno domani alle 10 nella chiesa di Sant'Espedito in via Garzilli.

In tanti, sui social, lo ricordano per il talento alla guida ma anche per l'eleganza e i modi gentili. "A parte la qualità della famiglia che ha dato lustro all'imprenditoria palermitana e italiana con i loro splendidi negozi, da sportivo non posso che ricordarlo quando guidava la Porsche ed puntualmente più veloce di mio padre - si legge in una messaggio pubblicato sulla bacheca Facebook dell'Associazione culturale "Amici della Targa Florio" -. Da porschista mi stava anche bene perché nello sport è giusto riconoscere i meriti di chi corre più forte senza prendere mai nessuna scusa per la sconfitta".

"Sempre disponibile, affettuoso - ricorda un altro amico - manco io so quante volte gli ho fatto domande curiose sulle tante Targa Florio cui ha partecipato. Quante storie, quanti aneddoti". E ancora: "Un amico che ha contribuito a fare la storia di Palermo e dell'automobilismo isolano".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento