Pignatone in Vaticano, Cantone: "Non poteva fare il nonno a tempo pieno a Palermo..."

Così il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione in un'intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei: "La sua nomina è un riconoscimento mondiale"

Giuseppe Pignatone

“Della nomina di Pignatone sono soddisfatto come cittadino, come magistrato e anche come amico. Credo che sia un riconoscimento giusto, al termine di una carriera brillante fatta a servizio dello Stato. Pignatone è l’uomo delle Istituzioni. Ed è un riconoscimento mondiale, perché il papato si trova in Italia ma è un’istituzione mondiale”. Lo ha detto il presidente dell'Autorità nazionale anticorruzione, Raffaele Cantone, in un'intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei.

Pignatone, 70 anni, a Palermo ha lavorato al Palazzo di giustizia per oltre 30 anni. “E' un riconoscimento importante – ha aggiunto Cantone - anche perché Pignatone è sempre stato in prima fila nella lotta alla corruzione in generale e alla criminalità. Io ho avuto il privilegio di partecipare con lui proprio il grande evento organizzato in Vaticano che riguardava la corruzione, questo ha dimostrato anche una vicinanza culturale al mondo della Chiesa, che credo sia stata tenuta presente in questa scelta”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Pignatone – ha sottolineato Cantone a InBlu Radio - è una persona che ha ancora energie mentali e fisiche e soprattutto esperienza da mettere a disposizione per una causa importantissima, perché comunque all'interno della Chiesa ci sono problemi che sono problemi degli uomini, perché la Chiesa è fatta soprattutto dagli uomini. Credo che si tratti di un impegno importante anche dal punto di vista simbolico e credo che sia giusto chiedere a Pignatone un ulteriore sforzo. Chi ha ancora energia da dare, senza togliere spazio ai giovani, è giusto che non venga accantonato. Non ho mai creduto che Pignatone tornasse davvero a fare il nonno a tempo pieno a Palermo. E ora ha colto l'occasione, un'occasione anche in linea con quello che ha fatto fino ad oggi”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Trabia, matrimonio da incubo: sposa investita dalle fiamme durante il flambè di benvenuto

  • Chiudono il negozio mentre sono in camerino, mamma e figlia bloccate per 2 ore da Ovs

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Coronavirus, 61 i nuovi casi in Sicilia: a Palermo un'altra vittima e un neonato contagiato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento