rotate-mobile
Giovedì, 9 Dicembre 2021
Cronaca

Comune, via libera dalla Giunta al contratto decentrato dei dipendenti

Si conclude così un lungo iter finalizzato al recepimento delle novità introdotte a livello nazionale per gli enti locali. Orlando e Giambrone: "Miglioreremo l'organizzazione dei servizi". Cisal: "Ora la trattativa per il 2020". Il dettaglio di tutte le indennità aggiuntive

La Giunta comunale ha approvato in via definitiva il contratto decentrato 2019 dei dipendenti, autorizzandone la firma. Si conclude così un lungo iter iniziato ad agosto dello scorso anno, finalizzato al recepimento delle novità introdotte dal Contratto collettivo nazionale degli enti localidel 2018.

La parte normativa del contratto era stata sottoscritta a fine novembre dalla delegazione trattante e da tutte le organizzazioni dei lavoratori, mentre la parte economica era stata sottoscritta a inizio dicembre solo da alcune sigle sindacali. Il contenuto di quest'ultima parte era stato oggetto di rilievi da parte del Collegio dei revisori dei conti, che solo dopo una rimodulazione avvenuta a inizio di quest'anno hanno dato il loro parere favorevole.

Le principali innovazioni contenute nel contratto decentrato riguardano l'introduzione di progetti specifici di performance individuale, non soltanto per la polizia municipale (per cui esistono già dal 2016) ma anche per altri ambiti dell'amministrazione - quali la Cultura, lo Sport, l'Informazione Turistica e i cimiteri - finalizzati al miglioramento dei servizi attraverso l'ampliamento delle ore di apertura delle strutture e la copertura dei servizi anche nelle giornate di sabato, domenica e festivi infrasettimanali; l'introduzione di una unica indennità correlata alle condizioni di lavoro maggiormente esposte a disagio, rischio e maneggio di valori (le indennità verranno corrisposte anche agli assistenti sociali e ai sub agenti contabili); l'ampliamento della platea dei beneficiari cui verrà corrisposta l'indennità per specifiche responsabilità, fra cui ora sono compresi gli assistenti sociali, diverse figure tecniche e i responsabili amministrativi-contabili.

Soddisfazione per la chiusura definitiva della vicenda viene espressa dal sindaco Leoluca Orlando e dal vicesindaco Fabio Giambrone, secondo i quali "si può ora procedere su una solida base alla contrattazione per il 2020, coscienti del fatto che alcuni servizi resi alla cittadinanza hanno una migliore organizzazione e che, pur fra le tante difficoltà imposte dalla normativa vigente in materia finanziaria, si sono dati giusti riconoscimenti ai lavoratori che svolgono mansioni essenziali per l'Amministrazione e i cittadini".

"L’approvazione da parte della Giunta del contratto decentrato dei dipendenti comunali - chiosano Nicola Scaglione e Giuseppe Badagliacca del Csa-Cisal - consente finalmente di applicare l’accordo raggiunto con i sindacati che prevede, tra le altre cose, maggiori tutele per i lavoratori e nuove risorse per tenere aperti musei e impianti sportivi. La delibera, esitata venerdì scorso con tutti i pareri necessari, chiude così una lunga procedura relativa al 2019 e ci consente di avviare le trattativa per il 2020: il nostro auspicio, come ribadito più volte, è che si arrivi a un accordo in tempi brevissimi e non alla fine dell’anno. Confidiamo pertanto nella prosecuzione del dialogo con l’amministrazione che finora si è rivelato proficuo per la città e per i lavoratori".

"Cultura e impianti sportivi finalmente potranno avere una marcia in più - dicono il segretario provinciale della Fp Cgil Raffaele Sanfratello e il coordinatore lavoratori part time Fp Cgil Luigi D’Antona - fornendo a cittadini e turisti un servizio più efficiente, gestito direttamente dall’amministrazione.  Adesso bisogna spingere affinché si avvii una profonda discussione sul contratto 2020, con al centro l’incremento orario dei lavoratori part time, che da anni svolgono e mantengono, insieme a tutti gli altri colleghi a tempo pieno, i servizi al Comune di Palermo. In considerazione che già da quest’anno ci saranno molti pensionamenti all’interno dell’ente, la priorità d’incremento orario riveste ancor più carattere d’urgenza. Una sfida che amministrazione cittadina e sindacati devono vincere sia per il bene dei servizi sia per il miglioramento dello stato economico dei lavoratori part time che da anni aspettano il tempo pieno. Inoltre, bisogna anche procedere con le progressioni sia verticali che orizzontali ferme ormai da troppo tempo, che potrebbero ridare all’amministrazione la possibilità di ricercare nei propri organici professionalità che andrebbero a migliorare lo stato dei servizi da fornire alla cittadinanza".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune, via libera dalla Giunta al contratto decentrato dei dipendenti

PalermoToday è in caricamento