rotate-mobile
Cronaca

"Mia figlia positiva al Covid, ma l'abbiamo scoperto dopo oltre 3 settimane dal tampone"

A raccontare la vicenda è il papà di una quattordicenne, affetta tra l'altro da una rara patologia: "Siamo andati alla Fiera per il test ma dopo 23 giorni nessuno ci aveva inviato i risultati. Di mia iniziativa ho chiesto spiegazioni e mi è stato risposto: 'Ah, non abbiamo inviato il provvedimento'"

Non aveva ricevuto alcuna comunicazione e gli avrebbero anche detto “che se avessero tardato più di qualche giorno voleva dire che il risultato sarebbe stato quasi sicuramente negativo”. E invece dopo tre settimane, trovandosi dalle parti di Villa Sofia, è andato negli uffici del Dipartimento prevenzione dell'Asp dove avevano processato i loro tamponi per chiedere lumi sugli accertamenti che lui, i due figli e la madre avevano fatto. "Ebbene ho scoperto che mia figlia, che ha 14 anni e una rara patologia, era positiva. Non avendo sintomi, a parte una leggera tosse durata poco, non abbiamo fatto nulla e lei qualche volta è anche uscita da casa", racconta il padre.

Secondo quanto ricostruito l’uomo e il resto della famiglia sono andati a fare un tampone alla Fiera del Mediterraneo lo scorso 25 novembre: "I quattro tamponi rapidi sono risultati negativi - aggiunge - ma avendo avuto un caso in famiglia hanno preferito fare a mia figlia, data la situazione, anche quello molecolare. Da allora però non abbiamo avuto notizie sui test. Dopo 23-24 giorni mi sono recato negli uffici del Dipartimento, ho fornito i miei estremi all’addetto che poi mi ha detto: ‘Ah, sua figlia era pure positiva ma non abbiamo avvisato né inviato il provvedimento’. Non potevo crederci". La comunicazione che avrebbe fatto scattare l’isolamento, aggiunge ancora l’uomo, è stata inviata quel pomeriggio stesso.

"Mi hanno messo in copia e dunque ho potuto constatare con i miei occhi ma in quella data - racconta - erano passate più di tre settimane. Mi hanno prenotato un tampone di controllo, programmato per sabato scorso, e sono venuti a casa per eseguirlo. L’hanno fatto sia a mia figlia che alla mamma, ma alla fine fortunatamente sono risultate entrambe negative. Mi chiedo come possono accadere queste cose? Capisco la mole di lavoro e non voglio colpevolizzare nessuno, però vuol dire che qualcosa non funziona, quantomeno sotto il profilo delle comunicazioni. E ci stupiamo del fatto che ci siano tutti questi casi?".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Mia figlia positiva al Covid, ma l'abbiamo scoperto dopo oltre 3 settimane dal tampone"

PalermoToday è in caricamento