rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Cronaca Carini

La rissa e gli spari alla discoteca Mob, fermato un diciottenne dello Zen

Si tratta di un giovane che è stato portato al Pagliarelli in attesa dell'udienza di convalida. Denunciati per favoreggiamento personale anche un addetto alla sicurezza di 37 anni e un altro diciottenne che avrebbero cercato di depistare le indagini

Fermato un diciottenne per gli spari alla discoteca Mob. I carabinieri delle compagnie di Carini e San Lorenzo hanno rintracciato e portato al Pagliarelli, in attesa dell'udienza di convalida, il giovane (M.C., queste le sue iniziali) che ieri sera avrebbe esploso alcuni colpi di pistola. Il ragazzo, residente allo Zen, è indagato per tentato omicidio e porto abusivo di arma. I militari hanno perquisito casa sua rinvenendo una pistola giocattolo. Non è stata trovata invece la pistola che avrebbe utilizzato ieri sera. Resta ancora da chiarire cosa abbia innescato la rissa in cui sarebbero state coinvolte circa cinquanta persone.

Notte di follia al Mob, sparatoria in discoteca: esplosi 4 colpi di pistola al culmine di una rissa

Le immagini degli spari

Le indagini sono state avviate nel cuore della notte, dopo le decine di telefonate arrivate al 112 dagli avventori terrorizzati per la scena alla quale avevano assistito. All'arrivo delle pattuglie dell'Arma la rissa era già terminata e la maggior parte delle persone era andata via. Gli investigatori, con la collaborazione dei gestori del Mob, hanno acquisito le immagini di numerose telecamere ma anche alcuni video ripresi da altri giovani che ieri sera avevano partecipato alla serata. La discoteca è stata sequestrata per cercare i bossoli ed eseguire gli altri rilievi.

Diverse le persone ascoltate dai carabinieri che, al termine degli accertamenti, hanno denunciato per favoreggiamento personale anche un addetto alla sicurezza di 37 anni e un altro diciottenne, forse un amico del fermato. Il primo avrebbe ostacolato le indagini facendo in modo che non venissero trovati i bossoli mentre il ragazzo, ascoltato già nella notte, avrebbe fatto delle dichiarazioni e si sarebbe contraddetto nel tentativo di impedire ai militari di individuare chi aveva sparato e gli altri protagonisti della scazzottata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La rissa e gli spari alla discoteca Mob, fermato un diciottenne dello Zen

PalermoToday è in caricamento