Giovedì, 24 Giugno 2021
Cronaca

Morto l'ultimo superstite di Cefalonia, forse è stato ucciso dal badante

La Procura di Palermo ha aperto un'inchiesta sul decesso di Giorgio Lo Iacono che si è spento nella sua abitazione a 92 anni. Non si esclude un delitto. Era l'ultimo superstite dell'eccidio compiuto nell'isola greca nel 1943

E' morto 71 anni dopo l'eccidio di Cefalonia. Lui, che era uno degli ultimi superstiti. La Procura di Palermo ha aperto un'inchiesta sul decesso di Giorgio Lo Iacono. Si è spento nella sua abitazione a Palermo,a 92 anni. Ma a questo punto non si esclude un delitto.

L’uomo era stato trovato in casa il 16 maggio scorso dal badante dello Sri Lanka. Era agonizzante, con il volto insanguinato. Era stato ricoverato in ospedale. Poi l'allarme. Secondo i familiari che hanno presentato denuncia il pensionato presentava lividi sul volto e ferite in altre parti del corpo. Il badante cingalese, che è stato il primo a lanciare l'allarme, durante l'interrogatorio ha fornito diverse versioni contraddicendosi più volte.

A Cefalonia, nel 1943, furono uccisi più di 6.000 militari italiani, altri 3.000 naufragarono. Più volte Lo Iacono, antifascista spedito in guerra per punizione, era stato chiamato a ricordare e evocare quei giorni nefasti, essendo rimasto uno degli ultimi sopravvissuti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto l'ultimo superstite di Cefalonia, forse è stato ucciso dal badante

PalermoToday è in caricamento