Cronaca

"Soldi per i disabili spesi per viaggi e hotel": l'ex presidente dell'Aias dovrà risarcire l'Asp

Lo ha deciso la Corte dei conti confermando la condanna per Giorgio Di Rosa: dovrà restituire 275 mila euro. In primo grado la richiesta dei giudici era stata più alta

Giorgio Di Rosa dovrà risarcire 275 mila euro all'Asp 6. Lo hanno deciso i giudici d'appello della Corte dei conti, Giovanni Coppola, Vincenzo Lo Presti, Tommaso Brancato, Valter Del Rosario e Guido Petrigni, confermando la condanna nei confronti dell'ex presidente dell'Aias, accusato di aver speso il denaro destinato ai disabili per viaggi, alberghi e cene o per pagare i familiari per lavori che non avrebbero potuto fare. 

La procura della Corte dei Conti ha contestato 333 mila euro per rimborsi chilometrici non dovuti, ma anche spese per alberghi e ristoranti per 30 mila euro euro nel San Paolo Palace Hotel di Palermo, soggiorni pagati per lui, il figlio, la moglie ed i cognati con assegni del conto corrente dell'Aias. Spese per parcelle di avvocati per 3 mila euro. E ancora spese per l'incarico professionale esterno affidato al figlio Antonio Di Rosa, per 60 mila euro oltre le spese per rimborso viaggi per un totale di 152 mila euro. Infine la Procura ha contestato a di Rosa quanto pagato dall'Aias a titolo di compensi per l'attività svolta a favore dell'associazione del figlio a cui il Consiglio direttivo dell'associazione aveva conferito l'incarico di consulente informatico per un importo mensile di mille euro oltre rimborso spese per vitto, alloggio e rimborso di 50 cent al Km. L'incarico però sarebbe stato dato senza le necessarie competenze. In primo grado era stato condannato a pagare 578 mila euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Soldi per i disabili spesi per viaggi e hotel": l'ex presidente dell'Aias dovrà risarcire l'Asp

PalermoToday è in caricamento