Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

Gesip, tavolo tecnico il 15 gennaio: "No ad amministratori da Roma"

Sarà concordato il piano dei servizi e di riutilizzo del personale. Il percorso illustrato dal Comune prevede altri 4 mesi di Cig in deroga e la definitiva chiusura della società

Questo pomeriggio si è svolto un incontro tra le organizzazioni sindacali e il sindaco Leoluca Orlando e l'assessore alle aziende partecipate Cesare Lapiana, in cui l’amministrazione comunale ha illustrato il percorso previsto per la Gesip, che prevede la cassa integrazione in deroga per altri quattro mesi e la definitiva chiusura della società in liquidazione.

Il Sindaco e l'assessore hanno espresso la loro forte contrarietà, anche per mancanza di presupposti di legge, alla eventuale prosecuzione dei lavori ed attività Gesip con amministratori nominati dal Ministero. "La liquidazione - hanno detto Orlando e Lapiana - è scaturita da atti formali del governo nazionale sottoscritti dall'amministrazione comunale (l'ordinanza di Protezione Civile dello scorso maggio), che hanno stabilito la cessazione delle attività alla data del 31 dicembre 2012. Nessuno potrebbe comprendere quale possa essere la giustificazione di una eventuale amministrazione straordinaria, anche alla luce dei notevoli danni che lo stessa sistema ha prodotto e sta producendo all'Amia, in amministrazione straordinaria da tre anni".

L'amministrazione Comunale ha ribadito ai sindacati l'impegno a garantire il reddito alle famiglie dei lavoratori e la continuità dei servizi con il connesso impiego progressivo di tutti i lavoratori. Per questo motivo, il prossimo 15 gennaio si svolgerà un tavolo tecnico con i sindacati per concordare il piano dei servizi e di riutilizzo del personale che dovrà essere collegato alla società consortile la cui istituzione già deliberata dalla Giunta dovrà essere approvata in sede di Consiglio comunale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gesip, tavolo tecnico il 15 gennaio: "No ad amministratori da Roma"

PalermoToday è in caricamento