menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gesip, fumata bianca per la cig: Crocetta "Obiettivo raggiunto"

Esito positivo nell'incontro di questa mattina tra l'assessore regionale al Lavoro Ester Bonafede e le parti sociali. Orlando: "Grande soddisfazione, gli sforzi dell'Amministrazione hanno trovato riscontri in atti concreti"

Fumata bianca per risolvere la vertenza Gesip dopo quasi quattro mesi di dubbi e incertezze. Questa mattina l'assessore regionale al Lavoro Ester Bonafede ha incontrato le parti sociali per affrontare la situazione degli operai Gesip, senza lavoro e stipendio dallo scorso settembre.  L'incontro ha avuto un esito positivo e per l'erogazione della cassa integrazione in deroga ai 1.805 dipendenti della Gesip mancano ormai soltanto dei dettagli. I sindacati Cgil, Cisl e Uil e associazioni quali Confindustria, Confcommercio, Cna e Legacoop Sicilia, hanno firmato la proposta di accordo del governo regionale. Toccherà all'Inps adesso effettuare le ultime formalità per stanziare i fondi necessari a coprire quattro mesi di cig. "Sono soddisfatto per il raggiungimento di questo importante obiettivo che darà un po' di tranquillità a tanti lavoratori ed alle loro famiglie, e per aver risolto una situazione che sembrava destinata a non avere soluzioni", ha detto il governatore Rosario Crocetta.

Anche il sindaco di Palermo, Leoluca Orlando, esprime "grande soddisfazione perchè gli sforzi dell'Amministrazione comunale hanno finalmente trovato riscontri in atti concreti con la modifica dell'accordo quadro tra Regione Sicilia e parti sociali che consentirà la cassa integrazione in deroga per i lavoratori Gesap. Attendiamo ora che a questi accordi faccia seguito il decreto che consentirà ai lavoratori Gesip di poter ottenere le risorse economiche nei prossimi giorni".

Per la Gesip sono state recuperate somme non spese della legge per la formazione continua e le risorse destinate a contratti di solidarietà, spiega il presidente di Legacoop Palermo, Filippo Parrino: "Somme che altrimenti sarebbero andate perse e su questa scelta va il plauso al governo regionale. Adesso auspichiamo che sia rispettato l'impegno preso dal governo di pagare anche tutti quei lavoratori delle aziende private che aspettano da tempo e per questo occorre aprire un confronto". "E' stata una scelta di responsabilità per risolvere un problema drammatico - dice il presidente regionale Elio Sanfilippo - Adesso però, come prevede l'accordo, occorre pensare alle aziende private per
evitare una guerra tra poveri".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento